Karaage - pollo marinato e fritto alla giapponese



Oggi ecco un'altra ricetta giapponese che va fuori dai canoni di cucina sana per cui il Giappone è famoso, ma solo in apparenza, infatti secondo me bilancia perfettamente la zuppetta solita senza grassi e il riso in bianco che qui diventa l'accompagnamento ottimale, sembrerebbe pesante ma non lo è, l'unto evidentemente c'è ma non mi ha dato nessun fastidio e l'ho digerito benissimo, e la puzza di fritto in casa che tutti lamentano in Italia qui praticamente non esiste, le finestre sono sempre spalancate e i ventilatori a soffitto aiutano la corrente d'aria a circolare, per non dire che a me il fritto piace e lo faccio spesso. Questo pollo l'ho mangiato in tre giorni diversi, la prima volta appena fritto, la seconda a temperatura ambiente circa venti minuti dopo la frittura e la terza volta freddo dal frigo, e tutte le volte è stato buonissimo, niente meraviglia quindi che sia molto popolare.
Se non vi piace il fritto bye bye, ci vediamo alla prossima.

Ogni tanto mi faccio un giro virtuale nel supermercato italiano online, oggi per esempio volevo vedere quanto pesa una coscia di pollo perché se scrivo una coscia di pollo voi pensate che pesi intorno a 350 grammi e invece in India pesa 200 grammi con le ossa, i polli indiani sono davvero molto piccoli, così ne ho avuto la conferma. Questo perché la quantità di condimento che suggerisco sarebbe sbagliata e non sempre mi ricordo di pesare. A questo proposito però vorrei dire che io non sono qui a dare ricette precise con istruzioni dettagliate insomma non sono qui ad insegnare a cucinare, sicuramente lo sapete già, e non penso affatto che questo sia compito del food blogger, anzi non penso affatto che io debba spiegare più di quanto faccia già, anche se sono sempre disponibile a rispondere ad eventuali domande.

Non esiste ricetta che si possa riprodurre fedelmente, secondo me, perché gli ingredienti non sono mai uguali precisi ed inoltre la mano conta moltissimo, come conta il modo di tagliare le verdure, il tempo di rosolatura e tanti piccoli particolari che fanno la differenza.
Sui dolci non dico niente perché non so, non li faccio e quando li faccio non mi vengono quasi mai come li vorrei, come pure la panificazione che regna sovrana nella gran maggioranza dei food blog, non fa per me, troppa fatica, io cucino perché devo mangiare ma se avessi chi mi cucina ciò che mi piace abbandonerei immediatamente il lavoro di cuoca. Scusatemi ma devo proprio dirvi questa cosa che sta sulla punta della mia lingua da tempo, io non ho la passione per la cucina, non mi piace cucinare [vedo i vostri occhi sbarrati!], e non mi piace nemmeno andare al ristorante ma mi piace mangiare e mi piace mangiare bene, ecco perché cucino.

Nei giorni scorsi ho sperimentato a surgelare lo zenzero perché ero stufa di vederlo seccare, se lasciato fuori, o ammuffire in frigo, e devo dire che funziona bene, si gratta più facilmente a parte che si congelano le dita, e poi, sempre a proposito di freezer, ho notato che le cosce di pollo si disossano molto più facilmente se il pollo è mezzo surgelato e ovviamente se si usa un coltello molto ben affilato.

Ingredienti:
  • 200 grammi di coscia di pollo (completa di sovra-coscia) disossata e tagliata a pezzi grossi [il petto non va bene]
  • 3 cucchiai di farina/amido di patate [io ho macinato i fiocchi di patate del purè ma non ho ottenuto l'amido anche se insieme alla maizena son sicura abbia contribuito alla croccantezza]
  • 2 cucchiai o + se necessario di maizena o amido di mais [con farina normale viene meno bene]
  • olio di arachidi per friggere
Marinata:
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • 1 cucchiaio di succo d'arancia/mandarino
  • 1 cucchiaio di sake o mirin, ma anche vino bianco secco o Martini dry [io niente :(( e ho aumentato il succo]
  • 6 cm di zenzero fresco tritato fine
  • 2 spicchi d'aglio tritati fini
  • una macinata di pepe - io l'ho messo bianco
  • un pizzico di zucchero
  • anche un po' di curry ci starebbe bene ma io stavolta non l'ho messo
  • qualche goccia di aceto come suggerisce Darshan e un pizzico di peperoncino!
Lasciate il pollo a pezzi nella marinata per mezzora e non di più altrimenti rilascia acqua, e prima di friggerlo in abbondante olio mischiatelo con le farine ottenendo una pastella come si vede nel video. Friggere fino a che diventa croccante e se volete ottenere un'extra croccantezza ri-friggetelo, come si fa per le patate.



Attenzione alla salsa di soia, non eccedere, il risultato potrebbe essere troppo salato. Nei miei esperimenti la prima volta l'ho fatto con una marinata minima, quasi insapore, e la seconda volta ho messo troppo di tutto, spero di stare bilanciata la terza volta ma vi assicuro che sarebbe opportuno non esagerare.
Non tagliate il pollo a bocconcini altrimenti non viene succulento, deve essere in pezzi grossi come si vede nel video. Col pollo indiano piccolo non va tanto bene ma oggi ho comprato cosce più grandi che non sempre si trovano, e sono certa che la prossima volta mi verrà perfetto.

Per il contorno di broccoli, asparagi e pomodori non ho fatto altro che metterli in una teglia da forno sopra un velo di pangrattato, conditi con sale e pepe e un cucchiaio di olio extra vergine di oliva [senza acqua], coperti da carta alluminio sigillata per contenere il vapore, cotti per non so quanti minuti, e solo alla fine tolto l'alluminio li ho messi a grill qualche minuto.

Forse dalla foto non potete notarlo ma, nella foto sotto al titolo, il pollo a sinistra è fatto soltanto con farina di patate e durante la frittura ci sono stati innumerevoli schizzi, di conseguenza nella seconda padellata ho infarinato i pezzi di pollo con la maizena, e allora invece degli schizzi mi sono ritrovata un bel po' di maizena sul fondo della padella. Entrambi però buoni e croccanti.

Dopo di che ho cercato un video e ho capito che dovevo mischiare la farina con la marinata e ottenere una specie di pastella! Alleluja! In realtà avrei dovuto capirlo prima ma così almeno voi avete me che ve lo spiego dopo aver fatto due esperimenti. Ed ecco quindi qui sotto c'è una foto fatta un altro giorno in cui avevo un'amica a pranzo, e questa è stata la seconda volta in cui ho messo troppo di tutto [l'emozione per l'ospite?], avevo a casa le stesse verdure ma mancavano i pomodori e ho messo i porri, ma preferisco coi pomodori.
Chissà quando avverrà la terza volta del karaage, forse presto perché è buonissimo e mi devo ancora perfezionare.

Nota importante: come ho già detto è buonissimo anche freddo, ne erano avanzati due pezzi e quindi ho sperimentato anche questo, oserei dire che mi è piaciuto di più, un po' come il pollo arrosto freddo, ma meglio, quindi, vista la stagione, adatto per picnic, messo dentro a un panino con una foglia d'insalata, come se lo gusta il ragazzo giapponese del video - ma voi sono certa eviterete il pan carré.

20 comments:

  1. LOL LOL e` proprio simpatico that guy in the video!!! ma infatti leggendo come lo hai fatto mi e` venuto subito di dirtelo che non si fa solo con la farina ... poi ho visto che hai scoperto ... yeah lo facevo anch'io quando lavoravo al ristorante ... un bacinellata alla volta, esattamente proprio come lo mostra il babbo natale, solo che noi lo lasciavamo marinare tutta la notte ... mmmhh insomma alla fine e` come una tempura di carne e lo sai che 2 volte alla settimana, mi fermo in uno dei tantissimi convenience store (kombini) e mi compro un pacchettino di RED KARAAGhE con dentro 5 bocconcini piccoli da mangiare in 1 bite ... red perche` e` con il peperoncino .. my favorite! non lo faccio in casa perche` la mia roommate e` vegetariana ... evabbe` ... oppure nell'impasto per la marinata se aggiungi un po` di vinegar diluendolo con la soia ... mmmhhh che buono!!!!
    peccato che non lo vendono piu` quello con il vinegar (che qui in Jap si chiama PONSU ) ... mmmhh mmmhhh slurp!!! adesso pranzo <3

    ReplyDelete
  2. Ecco! un po' di vinegar che idea! ma infatti io ho messo il succo di mandarino perche` ho pensato che un po' di agretto ci sarebbe stato bene e non avevo il vino, al vinegar non ci ho pensato e nemmeno l'ho trovato nelle tante ricette che ho consultato in rete, thanx! al peperoncino invece di avevo pensato e pensavo di provarlo next time. L'unica cosa che mi suona strana e` che tu dici bocconcini piccoli e invece io penso che con un pezzo grosso venga meglio, piu` succulento, infatti i miei sono pezzi piccoli per via del pollo piccolo indiano e sia pur buono finisce che c'e` troppa crosta rispetto al pollo, ma ieri ho comprato delle cosce un poco piu` grandi del solito in un posto che vende pollo all'ingrosso ai ristoranti e lo rifaro` tra qualche giorno piu` polposo! Vinegar great idea! si carino il giappo, ciao! ♥

    ReplyDelete
  3. Un piatto così ricco va benissimo caldo freddo stagionato!!!! la sua sarebbe consumarlo direttamente dalla padella...ma ovvio che si arricchisce moltissimo con tuttto il resto nel piatto....buon we, ciao.

    ReplyDelete
  4. vuoi che non mi piaccia il fritto??? lo mangerei anche adesso,ha un aspetto veramnete delizioso Chamki! Ti auguro un buon we, un abbraccio forte!

    ReplyDelete
  5. Cosci di pollo che pesano 200gr?!?!?
    Ma che polli sono? Oppure sono io in una città stramba (e ci sta benissimo, lo è!!!) perchè da 350-400gr qui ci sono cosci di tacchino! Quelli di pollo se arrivano a 150gr l'uno si possono definire "cicciotti"! Anche se cerco di evitare il fritto il più possibile, una tantumo qualche strappo si potrà anche fare, questi boccincino speziati hanno un'aspetto davvero delizioso.
    Grazie per la dritta dello zenzero, ne ho un paio di pezzi che metto subito in freezer prima che secchino troppo. Che dici, meglio tagliarli a "porzione"?
    Un bacio, buon fine settimana

    ReplyDelete
  6. Fede tu forse ti riferisci ai fusi, io intendo la coscia intera e con l'osso, infatti due coscette di pollo = 700 grammi vedi
    QUI e una coscia di tacchino pesa un chilo! vedi
    HERE ti assicuro che pur non sapendo il peso esatto i polli indiani mi sono sempre sembrati la metà di quelli italiani.
    Per lo zenzero dipende da quanto ne usi, ne puoi grattugiare un poco e rimettere in freezer quello avanzato, oppure se lo usi a quantita` come le mie e` meglio farlo a pezzi della grandezza che usi di solito, e lo surgeli dopo averlo pelato. Tutto sommato e` meglio tagliarli a porzione si!
    Bacione, buon w.e. anche a te

    ReplyDelete
  7. Che meravigliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa! Chamki è un'opera d'arte! Vorrei allungare la mano per provare questa delizia, peccato che dovrei avere un braccio lungo troppi chilometri. Un saluto affettuoso e buon fine settimana dalla tua Calabria
    M.G.

    ReplyDelete
  8. Dimenticavo, ottimo consiglio quello di congelare lo zenzero. Da noi è quasi impossibile trovarlo a meno che non sia nel periodo natalizio. La prossima volta che lo reperisco lo acquisto in quantitò così lo congelo e mi faccio una piccola provvista. Baci, baci
    M.G.

    ReplyDelete
  9. Mi metto subito all'opera con gli ingredienti che ho a disposizione, spero di riuscire nell'intento. Vado a mettere il pollo nella marinata. Baci
    M.G.

    ReplyDelete
  10. Mi piace!!
    E come da te anche qui le finestre sono sempre aperte, sara' per questo che friggere non mi sconvolge o perche' mi piace come vengono i cibi? ;-)
    Sperimentero'.

    ReplyDelete
  11. meno male che non ti piace cucinare! :)
    ma sai è vero anch'io a volte preferisco cucinare e stare a casa visto che i risto in genere ti propongono cose piuttosto scadenti da molti punti di vista, l'alternativa è mangiare in risto dove mangi bene ma spendi un occhio della testa! ...meglio cucinarsi...
    ottimo il tuo pollo, maggiormente se fritto :P

    ReplyDelete
  12. Neanch'io ho capito perchè adesso bisogna farsi il pane in casa, e anche i gelati. Questo genere di cose, secondo me, è meglio lasciarle fare agli artigiani bravi, che possono e sanno farle meglio. Sono l'ultima a potermi esprimere sull'argomento cucina, ma mi pare un atteggiamento un po' anacronistico e inutilmente autopunitivo da parte delle donne, probabilmente alimentato da chi deve vendere i relativi, necessari aggeggi. Mah...

    ReplyDelete
  13. MERAVIGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAA, DELIRIOOOOOOOOOOOOOO, GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE. Purtroppo ho dovuto adattare la ricetta utilizzando petto di pollo e la mancanza di determinate spezie avrà reso il mio pollo meno saporito del tuo. Del resto ho usato ciò che avevo in casa. Devo fare rifornimento di spezie! Ma il procedimento e tipo di cottura che mi hai insegnato ha avuto un successo incredibile in famiglia. Mio figlio minore era in estasi e mio marito rubacchiava mentre friggevo. Pensa un pochino, grazie ad Internet in casa mia è arrivata una ricetta giapponese che è transitata in India per poi giungere in Calabria. Baci, baci e grazie nuovamente
    M.G.

    ReplyDelete
  14. Dimenticavo, quella sorta di pastella che si forma con l'aggiunta della farina, in frittura rende il pollo estremamente croccante e non assorbe assolutamente i grassi di cottura. Un saluto affettuoso
    M.G.

    ReplyDelete
  15. ^_^ Max, grazie! ciao!

    ^_^ Chiara, ho visto che ti piace!

    ^_^ Fede, ti ho risposto più sopra

    ^_^ Maria Grazia, wow son proprio contenta che ti e` piaciuto! e grazie per essere tornata a dirmelo! Bacione.

    ^_^ Stefania, i fritti son buoni e che cavolo! e diciamolo! ah ah ah thanks!

    ^_^ Gio, non l'avresti detto eh? eppure e` davvero vero. :P

    ^_^ Dona, perdonami ma non puoi dire "autopunitivo da parte delle donne" perché loro ci godono! vabbe` che ci sono i masochisti a questo mondo ma credo che davvero sia una scelta personale gratificante da qualche punto di vista che non conosco bene. Ciao!

    ^_^ MG di nuovo GRAZIE!!!!!!

    ReplyDelete
  16. Tu dici che parliamo due lingue diverse in fatto di cibo??? beh, però l'amore per la cucina e per il giappone ci unisce ed è questo l'importante..e poi ti voglio troppo bene, amica Chamki!!!

    ReplyDelete
  17. Francy, ma anche se si parlano due lingue diverse ci si puo` voler bene, e` questo che intendevo dire!

    ReplyDelete
  18. ha più sapre marinato, non ti preoccupar enoi foood blogger sappiare adattare pesi e misure e qualche volta ingredienti anche se un po di invidia per alcuni di questi ce la fai :-))

    ReplyDelete
  19. ^_^ Gunther, ti ringrazio per dire questo, la penso anche io cosi ma di recente ho letto da qualche parte proprio l'opposto, che noi food blogger dovremmo essere piu` precisi e "insegnare" come si cucina, al che mi e` venuta ancor di piu` la voglia di essere come sono, io detesto salire in cattedra. Sapessi quante invidie mi vengono a vedere ingredienti che per voi sono semplici, vedi per esempio carciofi e finocchi, per dirne solo due, che qui non esistono e non vedo da quasi venti anni! Bacione.

    ReplyDelete
  20. Carissima Chamki, ho inserito nel mio blog le immagini del pollo che ho preparato seguendo questa tua splendida ricetta. Grazie per aver pubblicato questa delizia tra tutte le tue spettacolari ricette. Baci
    M.G.

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails