Basmati con carote stufate e alga nori



Questo è un piatto di quelli che nascono quando in frigo ci sono solo quattro carote.

Stamattina ho detto alla donna che dovevamo andare dal fruttivendolo quindi le ho detto di non fare le stanze di sopra che tanto non ci va nessuno e che verso le 11 saremmo uscite, lei mi ha guardata come sempre con gli occhi pieni di stupore, ha ondeggiato la testa a destra e sinistra, e ha ripetuto la parola verdure per farmi capire che aveva capito, o almeno così mi è parso visto che non parliamo le rispettive lingue eccetto per pochissime parole.
Ma vi pare che uno debba imparare una lingua solo per parlare con la colf?

Nanda [sembra un nome italiano ne?] sta sostituendo la sorella che è rimasta incinta per la terza volta, la quale mi aveva assicurato che sua sorella capiva l'inglese come lei. Già dal primo giorno mi era evidente che capiva meno della metà della sorella ma solo l'idea di dovermi cercare una nuova donna e insegnarle tutto daccapo mi fa morire, perlomeno qui una mi ha istruito l'altra su come lavare i pavimenti. Ma ovviamente l'iniziativa non si insegna e così mi ritrovo a doverle sempre dire cosa fare, mica la vede la polvere! Pensate che alle 11 avesse finito? No, ha tirato fino all'ora di andarsene e mi ha detto verdure col punto interrogativo. Io di certo non sono una che abusa del tempo della lavorante, come invece poverine sono abituate ad essere trattate qui, lei forse ha pensato che saremmo andate alla fine del suo turno di lavoro, quindi le ho detto di andare a casa che ci andiamo domani. E carote siano.

PS. Forse vi chiederete che motivo avrei di portarmi la donna dietro. Le farei portare le borse? Niente affatto, ne porto sempre io una di più, ma mentre io scelgo frutta e verdura lei mi sceglie patate, cipolle e i baccelli dei piselli, il che è un bell'aiuto anche se illusorio, perché ho realizzato che non sa scegliere, non sa la differenza tra un baccello ammuffito, uno grosso e secco con i piselli duri e uno bello verde coi piselli teneri. Come faccio a spiegarglielo? Ho preso due baccelli ammuffiti e glieli ho fatti ondeggiare sotto al naso con gli occhi a punto di domanda, la prossima volta starò a guardare cosa sceglie e le darò un colpetto delicato sulla mano quando prende il baccello muffito così che ricada nel cesto. Ogni tanto mi sento Santa Pazienza ma non riesco ad intravedere l'aureola intorno alla mia testa e di certo per la povera ragazza io sono fuori di testa o quanto meno incomprensibile, e non solo per la lingua.


Ingredienti:
  • 100 gr riso basmati bollito
  • 1 foglio di nori
  • 4 carote tagliate a bastoncini
  • 8 scalogni piccoli
  • 2 spicchi d'aglio
  • 4 cm zenzero
  • 2 cm curcuma fresca
  • 1 cucchiaino scarso di zucchero di canna
  • 1 cucchiaio di ghee
  • 2 cucchiai di salsa di soia o tamari gluten-free
  • 1 cucchiaio di gomashio
  1. Ho fatto rosolare le carote nel ghee e a metà cottura ho aggiunto scalogni, aglio, zenzero, e curcuma tritati.
  2. Quando le verdure son diventate scurette ho aggiunto lo zucchero e la salsa di soia, le ho messe nel piatto in forma quadrata, ci ho sparso sopra il gomasio e al centro ho messo il riso con un quadratino ripiegato di nori tostato.

Il quadrato di nori nel cerchio di riso sul quadrato di carote, sbagliato lo so, avrei dovuto fare un rettangolo di riso col cerchio di carote. . . accipicchia quando si dice la non programmazione.  Tuttavia nulla mi impedisce di dedicarlo lo stesso al mio amato Giappone, ancora afflitto da un'altro terremoto grosso che ha colpito ieri le stesse zone già ampiamente distrutte.


13 comments:

  1. Se riesci anche a far capire alla mia cavia la differenza tra un fico maturo e uno acerbo ti sarò grata a vita :)))) !!!!! A volte ho il dubbio che parliamo la stessa lingua!
    Che carina la corona che hai messo al tortino di riso :) Mi ispirano un bel po' quelle carotine agrodolci coi semini. Un baciotto, buon we

    P.S. non avevo sentito le nuove notizie sul Giappone, vado a leggere...che angoscia!

    ReplyDelete
  2. Senti Chamki, non te l'ho mai detto ma...dovreti scrivere un libro!!! mi sembrava di vederti, al mercato, mentre sventolavi bacelli di piselli sotto al naso di Nanda...quanto alla ricetta me la salvo nelle preferite+++, e te la scopiazzo quanto prima!
    P.S. neanche io ho sentito del Giappone..:-((

    ReplyDelete
  3. E tu pure con quattro carote,riesci a creare un piattino gustoso,e anche molto bello!!Beh..l'aureola è un pò difficile che compaia,ma di pazienza ne hai!!La "Nanda" dovrebbe diventare un pò furbetta e imparare tanto da te bella bimba!!
    UN bacione tesò!!

    ReplyDelete
  4. bellissima questa ricetta...e pensare che io mi sono sempre lamentata per quelle 4 carote annerite nel mio frigooo...
    complimenti!
    baci lalla

    ReplyDelete
  5. croccantissimo con tutti quesi semini!!

    ReplyDelete
  6. Ma tu guarda con quattro carotine cosa sei riuscita a fare!
    Io rimango sempre incantata dal colore dei tuoi piatti!

    ReplyDelete
  7. Dunque vediamo....mi sa che mi sono persa qualche passaggio perchè guarda caso io oggi in frigo avevo le stesse quattro carote e pure un pò di basmati e guarda caso li ho messi insieme pure io ma non è mica venuta fuori una cosa bella ed invitante come la tua. E poi, la foto è bellissima! Veramente sorprendente: e brava Chamki, il mio piatto comunque non ci assomigliava per niente :D e Per vostra fortuna non l'ho fotografato ;)
    Baci e buon w.e

    ReplyDelete
  8. Buono buono buono!!!
    E poi amo l'alga nori ^^
    bacioni!!

    ReplyDelete
  9. Me encantan estos platitos que nos pones alternativos a la carne.
    Ese basmati es largisimo parecen fideos cortados que bueno!!
    Un saludito

    ReplyDelete
  10. Visto quattro carote per un piatto buonissimo...la pizzaiola è super...baci e grazie. i pomodori sono di giardino e senza prodotti chimici solo il verderame. buon week end.

    ReplyDelete
  11. Ma chi te lo fa fare di andare al mercato con la Nanda, se poi devi insegnarle a comprare? Fai prima ad andarci da sola, no? :D
    Buon w.e.!

    ReplyDelete
  12. ^_^ Fede, si fa troppa fatica a spiegare quelle cose che esulano dal mondo tipico delle cavie e richiedono una partecipazione e una volontà di imparare da parte loro che proprio per la loro caratteristica principale sono soggetti passivi nutriti con lo scopo di ottenere risultati specifici. Ora a parte gli scherzi bisognerebbe prima innalzare le cavie a livello umano per ottenere risultati diversi da quelli prefissati, oppure applicare nuovi metodi come Pavlov fece col cane, ma occorre una mente scientifica prone a sperimentare senza lasciar affiorare alcuna incazzatura ad ogni fallimento della cavia stessa, anzi stimolare l'animale in cattività ed abituarlo ad associare e condizionarlo finche il riflesso condizionato sia attivato. Se non hai ancora riso comincio a preoccuparmi. Alla fine ti direi, invece di chiamarlo cavia che mi evoca il suddetto processo scientifico, prova a chiamarlo amore, ma con ciò non ti posso garantire risultati precisi, io infatti ho sempre fallito. :)))

    ^_^ Francesca, ma dai li ho sventolati solo per due secondi :)))

    ^_^ Damiana, grazie tesò un bacione pure a te!

    ^_^ Lalla, grazie e benvenuta, un'altra siciliana doc che usa pure il basmati! da quanto ho visto dalla sbirciata che ho dato al tuo blog, poi torno a guardare bene, Ciao.

    ^_^ Mirtilla :D

    ^_^ Eli, grazie tesoro! come io rimango incantata dai tuoi progetti geniali.

    ^_^ Viola, mi hai fatto ridere, grazie e buon w.e. anche a te!

    ^_^ Shamira, :-))

    ^_^ Mijú, un saludito pure a te, grazie!

    ^_^ Max, che invidia che mi fai, grazie, bacione

    ^_^ Dona, perché prima o poi imparerà, se fossi in Italia farei prima ad andarci da sola ma in India la musica e` diversa, e poi qualche borsa la porta pure lei, e patate e cipolle le sa scegliere e io non mi sporco le mani, ma tu mica che hai un'idea di come si fa la spesa qui. Ciao buon w.e. anche a te.

    ReplyDelete
  13. Uhm... evidentemente no. :)

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails