Sformato di patate con basilico e prosciutto



Immaginate che all'improvviso l'acqua sparisca dai vostri rubinetti, dovete assolutamente cucinare qualcosa perché non avete un panino da imbottire o i crackers da piluccare, non avete nemmeno verdure pulite a parte un peperone verde, fa freddino e avete voglia di qualcosa di caldo. L'omino del palazzo si era dimenticato di attaccare la pompa dell'acqua che dal serbatoio interrato la porta dentro i serbatoi sul tetto.
L'acqua in India non arriva a pressione, e ogni casa deve avere il serbatoio di raccolta interrato e quelli sul tetto da cui scende a caduta nei tubi, quindi ogni casa ha una pompa a motore che spesso si brucia. I "poveretti fortunati" invece hanno dei rubinetti municipali vicino a casa, da cui mica sempre esce acqua, e fanno la fila con le taniche, anche di notte, mentre i "poveretti sfortunati" devono pure camminare un bel po'.
Quando capita vi dico qualcosa dell'India di tutti i giorni, di cosa succede nel quotidiano. Quindi le pompe si bruciano o gli omini si dimenticano, scenario quasi normale in India ma ogni volta mi prende di sorpresa.

Stavo giusto riempiendo le bottiglie dalla macchinetta che purifica l'acqua, ma son rimasta a zero dopo la prima bottiglia, e per fortuna che tengo sempre in bagno un secchio d'acqua, ma non potabile. Oh! stavo dimenticando che quando si fa la pulizia dei serbatoi ogni sei mesi si rimane per due giorni senza acqua, ma di notte di solito c'è. Voi non avete la più pallida idea di quanto siate fortunati.

Ingredienti per una ricetta senza acqua:
  • patate in fiocchi - di recente ho scoperto che li producono anche qui con macchinario olandese e sono buoni, il più delle volte meglio delle patate fresche
  • latte e burro
  • uova
  • cheddar
  • prosciutto cotto
  • peperone verde tagliato a cubetti piccoli
  • pesto di basilico, olio e aglio (sempre i 4 tipi ma non lo dico così Viola non si fa il problema ;))
  • pangrattato
  • noce moscata
  • sale
  • olio extra vergine di oliva
  1. Ho fatto il purée coi fiocchi, il latte e il burro, a cui ho aggiunto le uova, la noce moscata e il sale.
  2. Ho steso con le dita un filo d'olio sul fondo di una cocotte (sorry Imma ma non per partecipare al contest), ci ho sparso su un velo di pangrattato e poi uno strato di purée.
  3. Sul purée ho steso il pesto di basilico, e uniformemente piccoli cubi di cheddar e prosciutto cotto.
  4. Ho coperto con un altro strato di purée inserendo ancora cubetti di cheddar e prosciutto, e sopra a tutto anche il peperone.
  5. Cosparso il tortino di pangrattato e burro, l'ho infornato a 170ºC per 40 minuti accendendo solo la parte alta del forno e chiudendo la cocotte con il coperchio di pirex.

29 comments:

  1. La cosa che mi piace del tuo blog, è che mi sembra di leggere i post di un'amica che abita dall'altra parte della città...poi ci penso e mi dico"Cavoli, lei è in India"...grazie per portarci delle piccole perle ogni giorno..grazie di cuore.

    ReplyDelete
  2. Grazie a te Francesca! troppo buona come al solito.
    Un bacione,
    hey non l'ho ancora riletto e sto facendo l'editing

    ReplyDelete
  3. Una ricettona super buona!!! La segno...

    ReplyDelete
  4. Faccio anch’io lo sformato coi fiocchi ^__^ Però ci aggiungo spesso anche al ricotta all’impasto. E ora ci metterò pure lo strato di pesto a mo’ di sandwich, quella nota di verde fa una gran buona figura :D! Bacioni

    ReplyDelete
  5. mi interesserebbe davvero conoscere di più l'India quella vera, quella che vivi tutti i giorni, ricettina sfiziosa, io mi sarei fatta prendere dal panico e sai andata a mangiare in un bar :-) ciao Ely

    ReplyDelete
  6. Ma santo cielo!!! Nemmeno in Libia, dove eravamo messi maluccio, l'acqua e' mai mancata per troppe ore. Giorni mai. L'elettricita' si, invece.
    Bello lo sformato, piuttosto, fatto di tutte cose che ho abitualmente in casa: grazie :-)

    ReplyDelete
  7. qui a palermo invece capitava spesso,ogni 2 gg mancava per 1 gg e mezzo o due ;(
    molto gustoso lo sformato :)

    ReplyDelete
  8. (*_*) Francesca, grazie, si era proprio buona.

    (*_*) Federica, la ricotta qui non c'e', i fiocchi di patate in India mi mancavano proprio, li ho trovati solo il mese scorso. Bacioni.

    (*_*) Ely, mangiare in un bar? già non vado volentieri al ristorante, non hai la più pallida idea di come siano i bar indiani, o comunque l'India in generale, igiene zero, io non mangio mai fuori casa, non mi piace beccarmi il mal di pancia, immaginavo che qualcuno l'avrebbe suggerito eh eh, ciao!

    (*_*) Stefania, la Libia la conosco e non si può paragonare all'India anche se apparentemente sono simili, qui manca luce e acqua, ma devo riconoscere che da qualche anno soprattutto in questa casa non ho avuto molti problemi, con l'inverter la luce c'e' sempre, i ceiling fans pure, il frigo se non c'e' luce non si apre, e l'aria condizionata purtroppo non funziona ma la luce arriva sempre quando non ce la faccio più a resistere. Ciao!

    (*_*) Mirtilla, allucinante! non avevo idea che a Palermo potesse succedere una cosa così tipicamente indiana. Grazie, ciao!

    ReplyDelete
  9. Qualche anno fa ero in vacanza in Friuli e a causa di un litigio fra due Comuni avevamo l'acqua per solo due ore al giorno!
    Che vogliamo dire? Tutto il mondo è paese?

    Buono lo sformatino e si presta a tante interpretazioni!

    ReplyDelete
  10. Che brutto quando manca l'acqua corrente. Sarà che a queste comodotià ormai non siamo più abituati....e pensare che prima era normale non avere acqua corrente in casa......
    ottimo il tuo tortino!!

    ReplyDelete
  11. Mannaggia Chamki, quando ho letto il titolo ho tremato....poi molto cautamente ho cominciato a leggere e pareva tutto bene, a parte l'acqua ovviamente :(
    Ma poi sono arrivata al punto fatidico e.....ecco, lo sapevo che ci volevano tutti e quattro i tipi!...e te pareva! :D
    Comunque grazie per aver avuto quest'occhio di riguardo per me....lo apprezzo tanto......Un gesto molto molto carino....
    Questa ricetta è deliziosa, inutile dirlo, son quei piatti da leccarsi i baffi.....
    Un bacione

    ReplyDelete
  12. Queste storie si sentono dell'India e di altri paesi, ma leggerle da una persona in diretta è pazzesco. Come è possibile che ci siano ancora così tanti problemi e al contempo la società=resto del mondo corra così veloce? L'India è una terra importante.Mah. E comunque cucinare senza acqua si può...è dopo lavare i piatti magari, che se per due giorni non c'è acqua allora c'è poco da stare allegri.

    ReplyDelete
  13. bel racconto e bella ricetta...ti seguo da un po', mi piaci!

    senza acqua non poteva nascere questa bella ricetta...;)

    ReplyDelete
  14. No, almeno per quanto mi riguarda, so perfettamente quanto siamo fortunati, me lo ripeto ogni giorno...chissà che non riesca a insegnarlo anche a mio figlio!
    Comunque il tortino è ottimissimo, se mi concedi la sgrammaticatura :)

    ReplyDelete
  15. (*_*) eli, grazie, e vabbe' ma per quanto tempo e' durata la storia? Qui non e' cambiato quasi niente da diciotto anni e prima di sicuro non poteva essere che peggio. No, no ma che scherzi? Da quando sto qui non lo dico più che tutto il mondo e' paese, o se lo dico e' solo riferito agli atteggiamenti umani, nella vita pratica invece c'e' un mare di differenza.

    (*_*) Zia Elle, grazie.

    (*_*) Viola, :DDD bacione anche a te.

    (*_*) Bea, la mia donna delle pulizie va giù dabbasso dove c'e' l'uscita della tubatura del comune a prendere l'acqua coi secchi per fare il minimo indispensabile e la porta su in ascensore, cosa che al resto della popolazione va anche bene da bere e per cucinare. Il problema per noi occidentali e' che i nostri corpi sono più sensibili e quell'acqua non e' potabile secondo i nostri criteri, talvolta e' anche super clorata, ma io uso sempre acqua purificata, che pero' mi deve arrivare dalle tubature per entrare nella macchina purificatrice che ha bisogno della pressione per funzionare. Insomma gli indiani si arrangiano sempre, vanno anche dal portinaio del palazzo accanto a prendere un secchio d'acqua, sono io che non posso usare direttamente l'acqua dell'acquedotto ma ho sempre bisogno che sia purificata, e di solito ne ho otto litri di scorta, ma quel giorno ne avevo solo uno.

    (*_*) Luvi, benvenuta, grazie, passo a trovarti domani, adesso e' ora di dormire per me. Ciao.

    (*_*) ELel, grazie, glielo insegnerai. Ciao.

    ReplyDelete
  16. Chamki :) Sono giorni che penso a come spiegare che cosa mi è rimasto dell'india che mi ha colpito così...e non è che non mi viene in mente niente anzi...mi vengono in mente tante, forse troppe cose per racchiuderle in una sola spiegazione. Poi tu scrivi: voi non avete la più pallida idea di quanto siete fortunati. Hai ragione, e questo è uno dei tanti motivi per cui ringrazio l'india. Ho quasi 32 anni e i conti con la povertà o l'indigenza o i piccoli grandi imprevisti che tu descrivi non li ho mai dovuti fare e perciò ho sempre dato tutto per scontato: anche l'acqua che esce dal rubinetto. Poi, un giorno, li in india, è capitato che uscisse si, ma marrone scuro...e inizia a scattare dentro te la molla...la consapevolezza che SEI FORTUNATO. E credo che rendersene conto sia davvero importante. Per questo piccolo episodio e per molti altri in mille modi diversi fra loro, ringrazio l'india e la amo e rispetto. Ho nella mia mail, in bozze due righe che volevo mandarti..e che prima o poi ti manderò se non disturbo! :) Volevo chiederti cosa intendevi per patate in fiocchi e poi ho visto: le buste di purè!!! Che goduria la ricetta...domanda scema: io non possiedo cocotte..una normale teglia andrà bene lo stesso vero? Magari, se per la cottura è necessario coprire, metto della stagnola...che ne dici?

    ReplyDelete
  17. Ho scritto tanto, e ho dimenticato di dirti una cosa....mi piace tantissimo il blog "imbiancato" e la foto dell'aglio...faccio invece un po di fatica a leggere il post con la scrittura irregolare..ma mi sa che sono io che sono cecata! Comunque sempre belli i tuoi nuovi look!!

    ReplyDelete
  18. Oh! non riconoscevo piu' il blog! bello il nuovo look e l'header! Molto bella anche la foto la ricetta invece si fa mangaiare da se :-)

    ReplyDelete
  19. Ecco anche io mi rendo conto che il font risulta un po difficoltoso da leggere...

    ReplyDelete
  20. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    ReplyDelete
  21. a me a imporssare non viene nulla bello cosi, magnifico! perchè semplice ma nello stesso tempo gustoso

    ReplyDelete
  22. Tengo la ricetta ! Potrebbe farmi comodo a Pantelleria quando si guasta il depuratore e il camion dell'acqua si fa aspettare. Da te mi sembra più dura... certo ti è venuto fuori un piatto profumatissimo e saporito !!! ciao Chamki, grazie di queste aperture sul tuo mondo, un abbraccio !

    ReplyDelete
  23. (*_*) Silvia, scusa ma mica capisco cosa dici, ringrazi, ami e rispetti l'India perché tra tante altre cose ti e' uscita l'acqua marrone dal rubinetto? perché hai capito di essere fortunata rispetto agli indiani che vivono nella m? Davvero io cerco di capire quello che stai dicendo, e non solo tu ma tutti quelli che vengono in India, e non riesco davvero ad afferrare il senso di questa cosa, capisco che ti vengano in mente tante cose e quel giorno che riuscirai ad esprimerle sarò molto contenta di leggerti, ovviamente scrivimi pure, altrimenti perché avrei messo la mail nel profilo?
    La cocotte l'ho tirata fuori per dire a Imma che non partecipo al contest, so che la page 'no contest no premi' viene letta ma evidentemente non da tutti e lei me lo ha chiesto già due volte.
    Certo puoi usare una teglia da forno e io la copro solo perché preferisco accendere la parte alta del forno e si brucerebbe, ma ognuno poi sa come infornare le cose sue, giusto?
    Grazie per il blog imbiancato, aspetto la tua mail, bacione

    (*_*) Alessandro, grazie, ho scurito il font spero che adesso vada meglio.

    (*_*) Carmine, ma dai non ci credo! mettiti tranquillo e vedrai il risultato! Grazie per il magnifico, pensa che avevo questa foto in archivio già da qualche tempo e continuavo a pensare che era una scemenza di ricetta. Ciao.

    (*_*) Rossella, grazie, un abbraccio anche a te.

    ReplyDelete
  24. Mi hai Dato una bella idea alternativa per il pranzo di oggi......sense acqua mi riesce Ben difficile pensarlo.....ciauzzzzzz

    ReplyDelete
  25. Thank you for sharing Indian daily life stories ;)

    ReplyDelete
  26. ciao! mi chiedevo, viene bene uguale il pesto con il tulsi (considerando che non ci metti il parmigiano e/o i pinoli)? i vasi che le famiglie indiane hanno su balconi e davanzali sono profumatissimi, ma forse il risultato cambia un po'...
    baci!

    ReplyDelete
  27. sono ancora qui....fatto il tuo sformato di patate ....mangiato e molto apprezzato!!!!

    ReplyDelete
  28. (*_*) Dona, you are welcome.

    (*_*) Elisa, il tulsi si usa per fare il tè, se clicchi la tag trovi qualcosa in più. . . baci!

    (*_*) Astro, grazie per essere tornata a dirmelo, son contenta ti sia piaciuto!

    ReplyDelete
  29. mamma mia che voglia di mangiarne un bel pezzettone, è golosissimo questo sformato!
    e grazie per gli aneddoti "indiani" che ogni tanto ci regali, è come avere una piccola finestra sul mondo sempre a portata di mano!
    bacione e buon week-end! ale

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails