La polenta cremosa


All'inizio del mio stare in India mi mancava la polenta! Dopo qualche anno avevo trovato però la farina di mais anche se macinata troppo fine, gli indiani ci fanno una specie di chapati con il daikon grattugiato, e avevo immaginato che una polenta sia pur cremosa sempre polenta è.
Appena ho aperto il pacchetto di farina ho cambiato subito idea, l'odore era terribile, niente a che vedere col granturco che conoscevo io, aveva quel tipico odore di India, che poi ho trovato nel basmati e anche nelle verdure o nella frutta, quell'odore di sacco di iuta usato e stra-usato mai lavato, che impregna tutto quello che ci sta dentro in modo permanente, al punto che spesso devo dar via quello che compro perché questo odore lo sento anche dopo ripetuti lavaggi. Questo ve lo dico per farvi capire che tutto quello che vedete su questo blog è frutto di ricerca e selezione, non è che vado al mercato, compro e poi cucino, non è così semplice.

Da qualche anno le cose sono leggermente migliorate, si trovano anche prodotti bio, e l'altro giorno, dopo almeno quindici anni [e si, la seconda chance mica sempre la offro subito], mi viene in mente di riprovare a fare la polenta con questa farina di mais macinata molto sottile. L'odore cattivo non c'è più, ma non c'è nemmeno l'odore della nostra polenta, poco male la polenta si può fare.
È venuta una polenta cremosa buonissima, come consistenza sembrava di mangiare una crema pasticcera densa dal gusto leggermente salato, ed è stata una rivelazione. Adesso devo trovare il modo di evitare di stare davanti al fuoco per mezz'ora rimestando, forse i tempi di cottura si possono ridurre e allora mi ritrovo a poter sperimentare nuove ricette.
Qui la polenta l'ho tagliata a fette super morbide e l'ho fatta rosolare nell'olio extra vergine per fare la crosticina dorata.
Ma in Italia esiste la farina di polenta macinata fine?

21 comments:

  1. Esiste ogni tipo di macinatur, ai mulini però, in commercio è più o meno standard...buona giornata.

    ReplyDelete
  2. Proprio quello che ci vuole per riscaldare una giornata nevosa come quella di oggi! Complimenti per il blog, davvero molto carino!

    ReplyDelete
  3. Immagino che ti mancasse la polenta...è così buona! peròla descrizione della polenta cremosa tipo crema pasticcera mi attira...eccome!!!

    ReplyDelete
  4. Ciao Chamki in Toscana usano una farina di mais macinata fine per fare un piatto tradizionale, me lo ricordo nella mia infanzia, chissà se lo fanno ancora.....con questa polenta si fanno "le pallette" non so perche si chiamasse così, di fatto è una specie di lasagna dove si alternano strati di polenta morbida a strati di funghi pioppini trifolati..... ciao e buona domenica !!!

    ReplyDelete
  5. hai trovato un'ottima alternativa :)

    ReplyDelete
  6. la farina di mais bramata, che è quella che io normalmente uso per la polenta, è più grossa, poi c'è la farina fioretto che se non sbaglio è più fine e crea una polenta più cremosina. Altra polenta a grana fine è quella bianca, che io non amo ma spesso mia nonna la preparava con il pesce in umido, lei era veneta e nelle sue zone si usava molto. ricordo che era quasi un semolino....
    non puoi fare un ordine online e farti mandare un bel pacco di bramata :-)??

    ReplyDelete
  7. mamma mia che acquolina 'sta foto..................................

    ReplyDelete
  8. ma dai!!! proprio ieri e l'altro giorno mi son fatta la polenta integrale, la prima volta a mo' di crema e la seconda, quando era ormai solida e fredda, l'ho tagliata a fette sottili e le ho rosolate in padella. Incredibile!!! eravamo sulla stessa onda. Un bacio.

    ReplyDelete
  9. cara Chamki mi fa tanta tenerezza vedere un'italiana che dall'altra parte del mondo fa di tutto per realizzare piatti che , in qualche modo, le ricordino la sua terra. Se non trovi la farina macinata fine conosco diversi mulini che la possono mandare, se vuoi mi informo, sappimi dire...buona domenica, un abbraccio affettuoso

    ReplyDelete
  10. Buona la polenta morbida...e chissà che bella sensazione hai provato a mangiarla così lontano .....kiss kiss

    ReplyDelete
  11. il commercio dei prodotti alimentari italiani ha fatto progressi, grazie al cielo, da una quindicina d'anni. ricordo ancora con disgusto certi pelati in lattina che trovavo in Francia: erano talmente acidi da far piangere per la desolazione. Se poi, come nel tuo caso, anche l'igiene lascia a desiderare...
    In Italia esiste una farina di mais macinata finissima, quasi come cipria, che si chiama fumetto o macinufatto. Viene utilizzata specialmente in pasticceria e biscotteria, per fare le paste di meliga, per esempio. Io la trovo con una certa difficolta' presso una rivendita di riso dell'abbiatense, ma non e' un prodotto di massa e, a volte, ne sono anche loro sprovvisti.
    buona domenica

    ReplyDelete
  12. ma come avete commentato anche questo post? ma allora siete carinissimi!

    ^^ Max, si certo al mulino si fa macinare come si vuole, buona giornata a te!

    ^^ Le Rocher, grazie!

    ^^ Francesca, ti piacerebbe! bacione.

    ^^ Rossella, ho trovato con google che si chiama pallette perché presa col cucchiaio a forma di pallette, la rifarò coi funghi, grazie! bacione

    ^^ Mirtilla, si, :)

    ^^ Passiflora, se dovessi ordinare online tutto quello che mi manca sarei già bancarotta e poi a me piace vivere con quello che ho disponibile, ciò non toglie che riproduco quel che che posso con ingredienti locali o che ritengo indispensabili come l'extra vergine e allora li compro importati, ma la polenta e' proprio l'ultima della lista!

    ^^ Ale, thanks.

    ^^ Enrica, ma come ti meravigli? Bacione

    ^^ Chiara, grazie carissima, ma figurati se voglio che me la mandi! bacione!

    ^^ Anna, si molto piacevole, grazie, bacione anche a te!

    ^^ La Belle Auberge, grazie! interessante quel che dici, avevo pensato di farci dei biscvotti! buona domenica anche a te.

    ReplyDelete
  13. Cara Chamki, qui si, si trova sia la farina fioretto che fumetto, una macinata fina, l'altra finissima....
    Senti, sto per dire la cavolata del giorno quindi prendila come tale, ma siccome non si sa mai io chiedo : ce l'hai la pentola a pressione? perchè se ce l'hai e non hai voglia di mescolare puoi guardare qui
    http://luby78.blogspot.com/search/label/PENTOLA%20A%20PRESSIONE-POLENTA
    Se ho detto una gran cavolata porta pazienza, ne dico comunque, una più una meno che vuoi che sia :D
    Un bacione

    ReplyDelete
  14. Cara Viola, non dici affatto cavolate, infatti io la polenta in Italia l'ho sempre fatta nella pentola a pressione eh eh ma questa, essendo così fine, l'ho girata a mano per paura che si bruciasse, visto che le pentole a pressione indiane sono perfette per cuocere velocemente ma nella lunga cottura mi han fregato varie volte.
    Per la cronaca ho due pentole a pressione, una da due litri e una da tre. In India tutti ma proprio tutti hanno la pentola a pressione! e ci sono tutte le dimensioni addirittura fino a dodici litri, e per i ristoranti fino a 22 litri!, con compartimenti per cuocere cose diverse tutte insieme, una roba pazzesca che pero' funziona benissimo coi cibi indiani che sono spesso zuppe, come il curry, o il classico riso e lenticchie, e la carne poi che qui a parte il filetto tutta la carne e' durissima ha assoluto bisogno della pentola a pressione.
    Leggendo nei vostri blogs ho trovato che molte donne italiane temono la pentola a pressione e non l'hanno mai usata, in India non si pongono il problema perché consente di fare un pasto completo in un colpo solo e viene sempre ampiamente pubblicizzata, addirittura la ditta che la produce ritira le vecchie pentole a periodi e tutti aspettano quel periodo per comprare quella nuova mentre danno dentro la vecchia. Sono di alluminio, e io ero scettica all'inizio ma me ne sono subito innamorata perché raggiungono le alte temperature in frettissima, molto ma molto prima della lagostina che avevo in Italia. Mia madre usava la pentola a pressione negli anni sessanta, ci sono cresciuta con la pap.
    Quindi avevo già pensato di usarla per la prossima volta che faccio la polenta, visto che mi e' proprio piaciuta, e ovviamente mettendoci tanta acqua, ieri ho cercato in internet e ho visto che suggeriscono 4 tazze di acqua per una tazza di farina come anche suggerisce il link che mi hai segnalato . . . pero' io mica metto i funghi a cuocere così insieme alla polenta, i funghi hanno bisogno di un bel sughetto eh eh
    grazie grazie Viola, ma perché ti fai il problema di dire cavolate? con me poi? che sono una semplice, che vive in India dove tutto e' una cavolata ah ah ah bacione e buona giornata!

    ReplyDelete
  15. Adoro la polenta...quella bella soda.. specialmente del giorno dopo! Buona giornata :)

    ReplyDelete
  16. Ma pensa te..non avrei mai pensato che in India la pap fosse così popolare. Potrei mandarci a vivere mia mamma, lei con la pap cucinerebbe tutto ahahaha.......
    Senti, ti ho risposto da me per il moelleux.
    Un bacio e grazie per le info.
    Smack

    ReplyDelete
  17. ^^ Sara, dove sei sparita? e' un bel po che non posti niente, spero che tu stia bene, buona serata.

    ^^ Viola, grazie a te!

    ReplyDelete
  18. mmmmmmmmm...che squisitezza!baci!!

    ReplyDelete
  19. Mia cara è sempre un immenso piacere leggere le tue alchimie con prodotti ricercati in una terra diversa dalla nostra. Sei unica ed irripetibile. Questa polenta è estremamente invitante. Un saluto affettuoso
    M.G.

    ReplyDelete
  20. Grazie Maria Grazia, un saluto affettuoso anche a te!

    ReplyDelete
  21. Leggo con piacere, ma in questo periodo sono strapresa da nuovi progetti lavorativi e non riesco più a postare nulla...e cucino poco :( se potessi vedere casa mia ti spaventeresti... comunque sto bene grazie :) e tu?? un bacione!

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails