Urad Dāl all'uccelletto



Ieri avete visto il Moong Dāl che è un fagiolo (Mungo verde) e non una lenticchia come spesso si crede,  le lenticchie infatti appartengono al genere Lens, pur essendo della stessa famiglia delle leguminose, e oggi eccovi un altro fagiolo che appartiene alla stessa Specie Vigna Mungo: il Fagiolo Mungo nero. Urad o udad, urid e udid, in India il suono si assomiglia molto.
Quello di ieri è verde e questo è nero, e pur essendo fratelli hanno un gusto completamente diverso tra di loro.
Per completare il discorso del Genere Vigna vi dico anche che il fagiolo azuki è un cugino della stesso genere Vinga ma della specie angularis invece che mungo - nella forma sono quasi identici tutti e tre.  Mi piace la botanica e andare alla scoperta di tutte le meraviglie che il Regno Vegetale ci offre.

Chiarito in breve il concetto di fagiolo e lenticchie non sorprendetevi se quando la gente vede questi fagioli cosi piccoli li chiama lenticchie bianche, a chi interessa la botanica? Infatti nel web esiste un gran confusione in tutti i campi proprio perche ognuno dice la sua per sentito dire o per qualche convinzione che viene dall'abitudine tramandata.


La prima volta che ho assaggiato questi fagioli neri (ma dentro sono bianchissimi) mi son detta che avevano il gusto dei cannellini, e sebbene questi fagioli siano l'ingrediente principale per fare la dosa (vedi ricetta QUI) e quindi li compro principalmente per questo, non manco mai di farmeli anche all'uccelletto, soprattutto quando trovo la salvia.

I fagioli all'uccelletto sono semplicissimi da fare ma hanno un gusto tutto particolare che viene dall'armonia degli ingredienti che insieme creano un risultato unico e delizioso.

Questi fagioli mungo neri in India sono usati in tre modi: interi ma raramente perché considerati pesanti da digerire, spaccati ma sempre con la buccia per fare zuppe, o spaccate e decorticate come dāl per innumerevoli ricette, ma certamente non li fanno all'uccelletto come me.
In India qualsiasi legume diviso in due si chiama dāl che vuol dire spaccato/diviso/separato.

Non ho la pentola di coccio! qui non esiste, ma vengono buoni lo stesso.

Faccio rosolare in olio extra vergine l'aglio e la salvia fresca tritata non troppo fine, aggiungo il dāl lessato e la salsa di pomodoro, insaporisco con sale e pepe, e finisco di cuocere fino a che è pronto. Servo con crostini e pepe.
La salvia qui è l'ingrediente fondamentale senza la quale non avremmo il gusto all'uccelletto.

Infatti qui sotto ecco un'altra foto di fagioli mungo neri decorticati cucinati come una normale pasta e fagioli ma senza salvia perché non sempre la trovo, in India è un ingrediente esotico che quasi nessuno conosce.


12 comments:

  1. Che meraviglia questa pasta! Anche se i tipi di fagioli che hai descritto non li ho mai visti, la botanica,la conoscenza, mi appassiona moltissimo, grazie!
    Un abbraccio!
    P.S. Sai che dove ho messo i semini di coriandolo è spuntata una piantina? Sono ansiosa che cresca e vedere se è veramente quello che ho seminato oppure un'erbaccia!

    ReplyDelete
  2. Grazie della spiegazione, anche qui si trovano una marea di fagioli, lenticchie e company provenienti dall'India e non so mai bene cosa sto comprando! :-)

    ReplyDelete
  3. Chamki tutte le volte che busso alla tua porta mi si schiude un mondo così interessante e diverso che ne resto sempre affascinata! Una pasta e fagioli così chi se la sogna? Certo qui noi abbiamo gli ottimi fagioli di Lamon però vuoi mettere il gusto particolare che deve avere la tua? Ti abbraccio cara, a presto!

    ReplyDelete
  4. Allora la foto di ieri erano fagioli decorticati non lenticchie gialle!!! Capito ^__^ Certo non sono abituata a dei fagioli così piccolini ma la botanica è una materia che mi affascina come l'erboristeria e sono felice di scoprire sempre nuovo cose. per la zuppa hai usato un formato di pasta che mi è troppo simpatico. Un abbraccione, buona giornata

    ReplyDelete
  5. cavolo..... devo cercare un emporio indiano ma figurati se qui trovo qualcosa... che belle tutte queste qualità di fagioli e lenticchie, che ricette gustose! grazie!

    ReplyDelete
  6. oh mamma, mi sembra di essere in perenne viaggio con le tue foto e ricette!!
    favoloso!

    ReplyDelete
  7. A Paris, nous trouvons, dans les magasins indiens, toutes sortes de lentilles, que nous ne savons pas toujours utiliser.
    Merci pour toutes ces précisions.
    Délicieux.
    See soon

    ReplyDelete
  8. Chamki che dire, la tua pasta & fagioli non solo è deliziosa (e la foto ne mostra appieno la delizia), ma anche sorprendente perchè fatta con questi fagiolini di cui io personalmente non sapevo nemmeno l'esistenza!
    Adoro la tua pagina e la leggo sempre d'un fiato perchè mi incuriosiscono molto le materie prime staniere.
    baci

    ReplyDelete
  9. pasta e fagioli entusiasmante, la spiegazione poi e' eccezionale, grazie e ciao

    ReplyDelete
  10. Una rivisitazione interessante...hai scritto proprio bene pepe prima e dopo!!! Il fagiolo all'uccellleto è caratterizzato sia dalla salvia che dal pepe che sia mungo, cannellino e zolfino!!! Bacioni

    ReplyDelete
  11. ⠀⠀⠀ Ornella, grazie carissima, fammi sapere, un abbraccio anche a te.

    ⠀⠀⠀ Stefania, prego :D

    ⠀⠀⠀ Chiara, maddai!!! non esagerare! Una bella pasta e fagioli italiana batte questa 3 a 0. Bacione.

    ⠀⠀⠀ Fede, si, vedi che ho fatto questo post solo per rispondere alle tue lenticchie eh eh bacione

    ⠀⠀⠀ Ely, grazie a te cara, un bacione.

    ⠀⠀⠀ Mirtilla, grazie! buon viaggio! Bacione

    ⠀⠀⠀ Nadji, à Paris, vous pouvez acheter toutes les choses dans le monde. Merci, et un gros bisou à toi aussi.

    ⠀⠀⠀ meggY, grazie cara, un bacione.

    ⠀⠀⠀ Flavio, grazie caro, un bacione

    ⠀⠀⠀ Pellegrine, non sapevo del doppio pepe, grazie! l'ho fatto spontaneamente, bacione

    ReplyDelete
  12. questa ricetta mi ricorda, giustamente, i fagioli all'uccelletta che faceva mio papà quando andavamo in campeggio....che delizia!!!!!

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails