Sformato di melanzane con simil-cous cous e mortadella



Qualche settimana fa ho comprato troppa semolina presa dall'entusiasmo per il simil-cous cous che mi era piaciuto tanto e quindi ecco che lo utilizzo anche per una "Parmigiana di melanzane disinvolta" che poi ho preferito chiamare sformato, perché appunto appena ho tagliato la prima fetta si è "sformata" tanto era morbida e succulenta.

Ingredienti:
  • semolina fine [in India si chiama rava/suji - vedi foto e note in fondo al post]
  • ghee o anche un poco di burro
  • brodo di carne o vegetale
  • melanzana
  • mortadella
  • parmigiano grattugiato
  • un bel sugo piccante fatto con cipolla e pomodorini di collina italiani
  • formaggino che fonde tipo cheese spread oppure mozzarella per chi può permetterselo, qui mi manca proprio e quella indiana mi rifiuto di comprarla
  • olio [stavolta per friggere ho usato l'olio di semi che ha alleggerito il gusto]
  • sale e pepe
  1. Pelare a zebra le melanzane e tagliarle per il lungo sottilissime. Metterle in acqua e sale per mezzora, scolarle, schiacciarle tra le mani per eliminare l'acqua, asciugarle e friggerle.
  2. Rosolare la semolina in un wok senza nessun condimento finché comincia ad emanare il caratteristico profumo tostato e a questo punto aggiungere un poco di ghee o burro. Continuare la cottura aggiungendo il brodo come per fare un risotto, un poco alla volta, e quando la polentina si stacca dalle pareti della padella spegnere il fuoco. Avete fatto qualcosa come l'upma indiana o il porridge inglese.
  3. Oliare leggermente una pirofila spargendo qualche goccia di olio con le dita, e aiutandosi con un cucchiaio bagnato stendere il semolino in uno strato da due centimetri circa.
  4. Metteteci sopra il sugo, il parmigiano, le melanzane fritte e la mortadella nell'ordine che volete.
  5. Fare un secondo strato di polentina non è facile come il primo, perché non è possibile schiacciarla con il cucchiaio. Essendosi però nel frattempo raffreddata, potete prenderne una cucchiaiata per volta, schiacciarla tra i palmi, e formando il secondo strato a mo' di piastrelle, non importa se ci sono spazi tra di loro.
  6. A questo punto se vi sono avanzate, come a me, fette di melanzane e sugo, andate avanti con gli strati usando solo melanzane, pomodoro e parmigiano. Due strati di mortadella mi sembrano sufficienti.
  7. Nel penultimo strato metteteci anche il formaggio che fonde, e finite con melanzane, pomodoro e parmigiano.
  8. Infornate a forno caldo e cuocete con il coperchio per mezzora a 170ºC. Io uso il coperchio di pirex perche accendo solo la parte alta del forno per evitare che si bruci il fondo, ma voi fate secondo le vostre abitudini.
Considerate che mangiato caldo, quasi appena tolto dal forno, questo sformato sembra un soufflé, tanto è morbido che sembra sciogliersi in bocca.  Se invece ve ne avanza e lo scaldate il giorno dopo rimane molto più sodo e anche se ancora gustoso perde quel qualcosa di speciale dell' appena sfornato



Cos'è la Semolina?

Semolina è il termine inglese che deriva dall'italiano semola.
Come si vede dalla foto non è gialla come potreste aspettarvi, infatti quella gialla viene dal grano duro e questa bianca invece si ottiene nella prima fase della produzione della farina. 
Quando il grano viene macinato avviene la separazione del germe e della crusca, quello che rimane è la semola che vedete sulla mia mano. Quando la semola viene ulteriormente macinata si ottiene la farina.
Per fare il cous cous si mischiano due parti di semolina con una parte di semola di grano duro.

Queste notizie le ho prese da Wikipedia in inglese [non trovato in italiano] e se volete saperne di più cliccate il link.

In India il grano duro viene prodotto solo per l'esportazione e non si trova sul mercato interno, anche perché non saprebbero che farne, non appartiene alla loro tradizione culinaria e quindi non c'è richiesta.
Io uso questa semolina per fare la pasta fresca con le uova mischiandola alla farina, o anche per fare gnocchi tipo quenelle, o in sostituzione del pangrattato, ma solo in alcuni casi.
Ultimamente l'ho usata anche per fare un simil-cous cous molto gradevole che volendo si potrebbe trasformare in un cous cous più reale facendo la 'ncocciata con le mani come fanno i siciliani, mischiando una semolina più fine con una più grossolana. Un giorno forse ci proverò. In India infatti ci sono almeno due tipi di semolina, ma quella davvero fine che sembra semola rimacinata non la trovo facilmente.

Il semolino che comprate in Italia per fare i gnocchi alla romana invece è stato processato in qualche modo che non so, forse una pre-cottura, ed è molto più grosso di questo e anche giallo perché fatto col grano duro.

Come avete letto nella procedura della ricetta io faccio prima di tutto tostare la semolina, la insaporisco col ghee/burro e poi la faccio cuocere col brodo come si fa un risotto e non come la "polenta" che si fa versandola direttamente nell'acqua/brodo, e questo fa una bella differenza.

Per concludere, mi sono fatta un giro virtuale in un supermercato italiano e ho trovato che vendono solo la semola di grano duro o la semola rimacinata che è appunto la semola che viene ri-macinata per farla più fine.

Potete usare il cous cous per fare questa ricetta dello sformato di melanzane ?

Direi di no perché non rimane compatto, non lega, e si sbriciolerebbe, ma nulla vieta di provare. E io non userei nemmeno il semolino che si usa per gli gnocchi alla romana perché non so l'effetto della tostatura, ma anche questo si potrebbe provare.

Usate quindi la semola, di grano duro perché è quella più simile e più facile da reperire, o di grano non duro se riuscite a trovarla da qualche parte, magari un mulino vicino a casa vostra.

La polenta invece credo che darebbe un gusto diverso, anche se la consistenza sarebbe molto simile, ma chi vieta di provarla? Provateci!

Grazie a FedeSilvia che mi hanno fatto le domande!

21 comments:

  1. wow! da leccarsi i baffi... lo farò senza mortadella, altrimenti mia figlia non lo mangia. spero che diventerà buono come il tuo. a presto!

    ReplyDelete
  2. Che piatto succulento......
    Di quelli che alla fine si lecca pure il piatto....lo so che non sta bene, ma la scarpetta certe volte è inevitabile, alla faccia del galateo :)
    Buonissima.......
    Un bacione cara e buon w.e

    ReplyDelete
  3. a parte la mortadella (che non la mangio...) questo sformato è un inno alla fusione e merita di essere replicato! bello, intrigante, fantasioso!! ma lì in India (dove vivi esattamente che non ho capito?) dove ti rifornisci di cose italiane? ;-)

    ReplyDelete
  4. La tua creatività mi sorprende sempre. Guarda guarda che bella idea e che piattino succulento hai tirato fuori oggi. Ma dici che col cous cous vero andrebbe bene lo stesso? O sarebbe meglio la polenta? Perchè mi stuzzica proprio questo sformatino e volendo avrei anche delle melanzane già grigliate che potrebbero fare degna fine. So che non è lo stesso che fritte ma quando posso evito. Un bacione cara, buona domenica

    ReplyDelete
  5. Il procedimento è proprio quello della parmigiana!!! dalle foto si vede bene che è uno sformatino bello morbido e succulento!!! hai fatto un primo paino fantastico...e la ricetta è da leccarsi i baffi!!! un abbraccio e buon week end :)

    ReplyDelete
  6. Non mi prendere in giro...letta la ricetta e viste le foto sbavando, ho messo in lista anche questa ricetta (l'ennesima) e ho bisogno di due chiarimenti (sono gnucca!)
    -la semolina è il semolino, il cous cous o serve proprio la farina per fare la polenta??
    - e a naso eh, quanto pensi possa servirne? Considerando che tu stessa consigli di farla fuori preferibilmente appena sfornata (ops..sformata!! :D) non vorrei farne come sempre a sufficienza per un esercito!!!

    ReplyDelete
  7. mammamia che aspetto goloso!Uno sformato così originale potevi pensarlo solo tu! Un bacione, buona domenica....

    ReplyDelete
  8. ^º^ Cristina, credo che non cambi poi molto, ma vedi cosa ho aggiunto in fondo al post cosi usi la semola giusta, cioe' Grieß, anzi tu dovresti sapere bene se si trova anche in Italia o che differenza c'e' con la semola tedesca. Illuminaci. Un bacione.

    ^º^ Viola, grazie, buona domenica e un bacione anche a te.

    ^º^ Bea, grazie, nelle grandi citta' si trovano alcuni prodotti importati ma non regolarmente e non tutti di grande qualita', nel reparto salumi per esempio impera la Spagna e a me non piace, infatti quando vedo i prodotti italiani ne prendo in quantita' perche' chissa' quando sara' la prossima volta. La pasta si trova invece di tante marche diverse anche quelle buonissime, come pure l'olio extra vergine senza il quale non potrei vivere. Bacione.

    ^º^ Fede, grazie cara, ho aggiunto le risposte in fondo al post spiegando cos'e' la semolina. Un bacione e buona domenica.

    ^º^ Luciana, grazie, un abbraccio anche a te e buona domenica.

    ^º^ Silvia, cado dalle nuvole, non so a che ti riferisci anche perche' io non prendo mai in giro nessuno per principio, non sul serio e nemmeno scherzando, dico sempre quello che penso . .. o forse e' un modo di dire che non conosco?
    Non sei affatto gnucca, anzi ti ringrazio per le domande che certamente servivano e anzi avrei dovuto documentarvi sulle differenze, ma ho provveduto e trovi tutto in fondo al post anche con la foto.
    Per la quantita' invece davvero non so che dirti, comincia con 50/70 grammi a testa e se non e' abbastanza vuol dire che rimarra' la voglia di rifarlo. Bacione e buona domenica.

    ^º^ Chiara, si si era goloso, grazie carissima, un bacione e buona domenica anche a te.

    ReplyDelete
  9. Chamki grazie per le info aggiuntive!! Assolutamente non avrei mai saputo tutte queste differenze e adesso quasi quasi proverò ad andare in un negozio di prodotti bio scoperto proprio un paio di giorni fa che ho visto ha anche alcune cose meno comuni..altrimenti provo con la semola! Per il prendere in giro ahahah è una specie di modo di dire, una premessa a quando stai per fare una domanda che magari poi è la cosa più ovvia del mondo e sembra che stai per scoprire l'acqua calda, fatta a prescindere dall'interlocutore, e senza l'intenzione di tacciarlo come persona che prende in giro la gente! Anzi..se mai è un modo di autodefinirsi citrulli perchè non si sa una cosa che probabilmente è saputa da tutti! Lo so benissimo che non prendi mai in giro, e che anzi, ogni volta sei sempre più che disponibile ad ogni chiarimento (impossibile per me dimenticare il video per l'avocado!!). Era soltanto un modo di dire, che io peraltro uso spesso, sono una persona curiosa e molte volte chiedo tutto e di più con il risultato che mi guardano come fossi un marziano! :) ma chissenefrega...poi dopo, se trovo chi mi spiega, è una cosa in più che conosco!

    ReplyDelete
  10. Grazie per avermi rassicurata sul prendere in giro, infatti mi era venuto il dubbio che potesse essere un modo di dire, ma mi capita a volte che la gente mi fraintenda e non capivo cosa potessi aver detto . . .. okay come e' bello chiarirsi, e a me piace anche quando la gente mi fa domande perche' mi aiuta a vedere cosa ho omesso nel mio post che di certo non e' mai completo. E poi che senso avrebbe non chiedere quando si vorrebbe capire di piu'? La gente che ti considera un marziano per questa cosa mi sa che e' troppo piena di se'. Chiedi, chiedi tutto cio' che vuoi, ma nell'ambito dell'argomento ne? e io ti diro' cio' che so con piacere. Un bacione.

    ReplyDelete
  11. Brava chamki, davvero appetitosa! baciii

    ReplyDelete
  12. Ciao Chamki! A parte per la mortadella, mi ispira tantissimo! Grazie mille per tutte le informazioni che ci hai dato! Magari facendo un giro nei supermercati indiani si trova il rava/suji.. ultimamente sto scoprendo che lì hanno un sacco di cose interessanti...Baci e buona domenica :)

    ReplyDelete
  13. Ho aggiunto al mio elenco (ormai lungo) di cibi da acquistare anche la semolina. Mi piace molto questa ricetta, adoro le melanzane "fatte a pasticcio" a partire dalla moussaka fino alla parmigiana. La tua ricetta la devo proprio provare! Un bacio

    ReplyDelete
  14. le malanzane mi fanno sempre..... sbaaaaavaare!!! :P
    devono essere buonissime, molto originale l'idea del "semolino" tra gli strati! baci! ale

    ReplyDelete
  15. Ciao! un piatto corposo, dal sapore ricco e gustoso! morbido e completo! molto originale però!
    baci baci

    ReplyDelete
  16. No dico ci fai vedere un piatto bello succelentio ed invitante e poi noi non lo possiamo rifare perchè ci manca la semolina!! Ora lo provo con la semola e poi ti dico...comunque ottimi abbinamenti. Bacioni

    ReplyDelete
  17. Buonissima questa rivisitazione della parmigiana arricchita di mortadella.

    All'esselunga ho trovato un "semolino a grana grossa" che penso possa andare benissimo. Io lo uso per fare i gnocchi alla romana che così rimangono più rustici e mi piacciono di più.

    Buon inizio di settimana!

    ReplyDelete
  18. ^º^ Erica, grazie, baci anche a te.

    ^º^ Sara, chissà se la trovi, ma sai in fondo e' semola, io comprerei la semola italiana, e mentre per il chapati in Italia non si trova la farina adatta, in questo caso direi che la semola italiana e' senz'altro da preferire. Baci e buona settimana.

    ^º^ Julia, grazie, fammi sapere come ti viene. Bacioni

    ^º^ Ale, non ti nascondo che a me le melanzane non piacciono più di tanto ma così me le sono proprio godute. Bacioni.

    ^º^ m & s, ciao grazie, sapete che faccio una fatica boia a leggere il vostro blog sul reader che mi esce scritto giallino pallido sul bianco? anzi direi che non lo leggo proprio e faccio fatica anche con l'originale sul fondo nero, scusate ma non so come fare, se per caso mi leggete qui sappiate che vedo solo le foto! Bacioni.

    ^º^ Pellegrine, ma certo semolina e' la traduzione in inglese di semola! Grazie. Bacioni

    ^º^ eli, la parmigiana con la mortadella non l'ho inventata io, non so dove l'ho vista tempo fa, o forse la faceva anche mia mamma ma non ricordo. Al sud ci mettono il salame piccante! La strana cosa e' che il semolino e' più grosso della semola che ho usato io, chissà perché l'hanno chiamato così e in inglese hanno chiamato semolina la semola, vai a capire e ovviamente scrivendo semolina su un testo in italiano me la sottolinea in rosso! Buona settimana anche a te.

    ReplyDelete
  19. chamkina bella, hai una fantasia illimitata!!! Per questo tutte le tue preparazioni sono speciali! E poi... immaginarti sommersa dalla semolina è piuttosto divertente ;))) Baci e buona giornata

    ReplyDelete
  20. L'ottimo aspetto ed i sapori dimostrano quanto tu sia abile a trasformare i sapori con gusto e creatività,complimenti!!!Un caro abbraccio e una felice settimana

    ReplyDelete
  21. ^º^ Giulia carissima, ma ti pare? Ah pero' potrei spargerla in terrazza e farmi i bagni di sole cocente immaginando di essere su una spiaggia tropicale. Bacioni e buona giornata anche a te.

    ^º^ Antonella carissima anche te, troppo buona sei! Bacioni e felice settimana anche a te.

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails