Fava Madama


Sul pacchetto del supermercato c'era scritto Fava Madama, e a me sembravano noccioline, poi ho guardato meglio e mi sono sembrate fave mignon,  dal colore dei fagioli, e dalla forma tipo fava cicciottella. Mai viste le fave in India, anche se tempo fa mi ero interessata e avevo scoperto che vengono coltivate al Nord. Ho fatto adesso una ricerca come fava madama e non esiste proprio niente, ma ho scoperto il "ful mudammas", un piatto tipico egiziano con le fave che si pronuncia madama, e visto che gli indiani scrivono come parlano [come noi] ecco svelato il mistero della madama che non c'è.

Il mio primo impatto col cibo esotico avvenne nel 1955, quando fui mandata in collegio in Sicilia per essere educata "severamente" in una scuola privata, dove per la prima volta ho mangiato le fave.
Mi sono sembrate sconosciute, puzzolenti e quindi immangiabili. Oddio che è sta roba? Maccu? Non la voglio! Ma a quei tempi non era nemmeno ammesso lasciare qualcosa nel piatto, figuriamoci non mangiare del tutto. Tutto il cibo siciliano mi sembrava esotico, straniero e stravagante.
In casa dei miei genitori le fave non hanno mai messo piede, insieme a cucuzza, cavolfiore e cavolo. Non erano ammessi in cucina perché mio padre diceva di averne mangiate abbastanza durante la guerra, e le fave particolarmente non gli piacevano.
Non facile trovarmi in una regione che, sia pure vicinissima fisicamente alla Calabria, mi sembrava invece distante anni luce e assurda con questi legumi puzzolenti e i maccheroni con cavolfiore e uvetta. Oddio hanno sbagliato a mettere l'uvetta nella pasta! Una bimba di dieci anni non si adatta in due giorni a cibi sconosciuti, ma alla fine mi ha dato un'apertura mentale per cui sono riconoscente, e ovviamente la capacità di sopravvivere alle cose strane e dure della vita.

Un piatto poco fotogenico ma insolito e invernale, almeno secondo i criteri occidentali.
Qui i legumi si mangiano tutto l'anno.

Ingredienti:
  • fave secche
  • rametto di rosmarino, fresco legato o secco sbriciolato
  • aglio
  • cipolla
  • barba di finocchio [finocchiello selvatico per chi può, io ho usato l'aneto]
  • pomodori seccati al forno [qui la ricetta]
  • pane (gluten free) a cubetti
  • olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe
  1. Ho lavato le fave dopo aver eliminato quelle bacate, e messe a bagno per 24 ore con un pizzico di bicarbonato, cambiando l'acqua almeno tre volte durante il giorno.
  2. L'indomani ho sciacquato bene le fave e messe a cuocere nella pentola a pressione con aglio e rosmarino secco sbriciolato.
  3. Fatte raffreddare, le ho schiacciate ad una ad una tra le dita per recuperare la purea ed eliminare ogni singola buccia coriacea immangiabile.
  4. Ho stufato la cipolla tritata ed ho aggiunto la purea di fave, i pomodori tagliati a pezzetti, e la barba di finocchio tritata. Aggiustato di sale.
  5. Ho rosolato il pane a cubetti in un filo d'olio.
  6. Servita la zuppa con un filo d'olio crudo, il pepe e i crostini fritti.

22 comments:

  1. Che buona questa zuppetta! Non credo di averle mai mangiate. bacio

    ps: per il mio contest mi avevi detto che potevo scegliere una ricetta.. prenderei quella del curry ;-) se non hai nulla in contrario.

    bacio

    ReplyDelete
  2. Chamki, che bello il tuo racconto, grazie di averlo condiviso con noi! C'è poco da fare, lo dico sempre, ogni cibo sia che lo amiamo sia che lo odiamo è sempre legato alla nostra esperienza affettiva! Che buffe ste "fave madame" devo dire che non amo particolarmente le fave, ma "aggiustate" in questa maniera superba come hai fatto tu non son niente male! Brava! Buona settimana! Any

    ReplyDelete
  3. ☞ Francy, :D lo sapevo!

    ☞ ZeF, ma quale curry? prendi pure! Baci

    ☞ Any, grazie cara, sono perfettamente d'accordo, ma ci sono eccezioni che mi lasciano perplessa, per esempio quando ho cominciato a svezzare mia figlia, di sei mesi o poco piu', il fegato era una cosa che non c'era verso di farglielo mangiare, lo sputava e lo spruzzava appena glielo mettevo in bocca, eppure a me piace, e ovviamente non glielo ho mai forzato. Mia figlia ha sempre avuto le idee chiare su cio' che le piace e cio' che invece rifiuta assolutamente di mangiare, tipo il minestrone, a pezzi? non sia mai! il prezzemolo? che schifo.
    Io ho imparato ad amare le cose che odiavo, e ne sono strafelice!
    Buona settimana anche a te! Bacione.

    ReplyDelete
  4. Ciao Chamki, adoro le sere d'autunno durante le quali posso sperimentare zuppe e creme diverse.Questa tua di oggi è davvero interessante perchè, benchè al mio moroso piacciano un sacco, non compro quasi mai le fave.
    Saraà anche poco fotogenico ma dalla foto questo piatto sembra davvero goloso, prenderò spunto.
    Ciao e buona settimana.

    ReplyDelete
  5. Chamki,immagino bene la tua diffidenza verso sapori sconosciuti,soprattutto quando si è bambini..Ma poi avresti mai detto,che il tuo palato avrebbe assaggiato gli ingredienti più diversi??Hai una visione della cucina a 360°,e non sai quanto ti ammiro!!Passi dalla pasta fatta in casa ad un Galawati Kebab,oggi c'è la fava madama,imparo sempre cose nuove da te!!Ed oggi questa zuppetta,è veramente invitante,non mi resta che provarla!!Stavolta ho tutti gli ingredienti,anche se sarei curiosa di provare quelle favette lì!!!Un abbraccio grande cara,non sai che piacere è venire da te e leggerti un pò!!!

    ReplyDelete
  6. A me i legumi piacciono tutto l'anno, calde zuppe in inverno e fresche insalate in estate. Curiose queste fave, abitutata a vederle verdi sembrano davvero dei fagioli. In questa zuppa c'è un mix di ingredienti che mi piace moltissimo, sono diventata dipendente dai pomodorini al forno. Ora che il freddo comincia a farsi sentire per benino, la sera una minestra calda è perfetta. Un abbraccio

    ReplyDelete
  7. Tu dici poco fotogenico?? A me sembra bellissimo ed invitante, altro che!!

    ReplyDelete
  8. Chamki, immagino bene la tua perplessità di fronte alla uvetta nella pasta (ce la avrei avuta anch'io). Che sapore hanno queste fave? Questa vellutatina mi piace molto!
    Buona settimana:)
    Pat

    ReplyDelete
  9. mai sentite queste fave, ma la ricetta e'favolosa!!

    ReplyDelete
  10. ti avevo scritto un commento lunghissimo da lavoro ma poi si è cancellato...
    prendo la ricetta del curry inglese, ottimo per chi come me impazzisce x supermercati alla ricerca del gran masala o del curry di madras. Con le tue indicazioni ognuno avrà il suo curry! Ancora grazie, un bacio

    ReplyDelete
  11. che carine! sembrano le pralines di bruxelles! :)
    baci! ale

    ReplyDelete
  12. La prima volta che ho mangiato fave ero molto grande! Dalle mie parti venete si preferiva piantare fagioli. Adesso non ne mangio tantissime ma mi piacciono molto e non vedo l'ora di cominciare con queste delizie. La fava madama però mai sentita! Qui abbiamo la fava di Santorini.
    Bacione

    ReplyDelete
  13. Ciao Chamki ! ma che strane queste piccole fave ! dalla ricetta sembra proprio una zuppa buonissima. Io le fave le mangio solo fresche con del formaggio saporito, in Toscana lo chiamano "baccellone" perchè li le fave sono i "baccelli". Quanti sapori e quanti nomi che s 'incotrano, eh ? Un abbraccione !

    ReplyDelete
  14. Un bellisimo piatto..sicuramente completo e genuino!!

    ReplyDelete
  15. Mi piacciono le fave...ma tutti i legumi mi piacciono moltissimo e le zuppe pure.
    Non ho mai sentito questa fava, ma gli ingredienti della tua zuppa mi ispirano moltissimo.
    Proverò, magari con altre fave.....
    Un abbraccio carissima e a presto

    ReplyDelete
  16. Che bello: dalle tue parole è evaporato il sapore del sud; e io l'ho gustato tutto!

    ReplyDelete
  17. Effettivamente poco fotogenico, ma con il tuo racconto non ci avevo fatto nemmeno caso! E' sempre un piacere leggerti!

    ReplyDelete
  18. ☞ Ciao meggY, la zuppa non e' fotogenica ma i crostini si! e sono quelli che rendono questo piatto goloso. Buona settimana anche a te.

    ☞ Damiana, grazie cara, direi che ho assaggiato davvero tanti cibi, ma credimi queste favette non hanno niente di speciale, sembrano fave selvagge, quindi mangia le fave italiane che sono molto meglio! Un bacione e un abbraccio grande anche a te.

    ☞ Fede, anche io sono dipendente dai pomodori al forno perché e' l'unico modo per mangiare i pomodori indiani. Abbraccio anche a te.

    ☞ Zie Elle, i crostini gli hanno cambiato la faccia! Ciao.

    ☞ Patricia, queste fave hanno il sapore di fave! ma essendo piccolissime sono più' laboriose per rimuovere la pelle, evviva le fave grandi! Buona settimana anche a te! :)

    ☞ Mirtilla, sono fave indiane tipo selvatiche perché secondo me non le sanno coltivare bene ;)

    ☞ Julia, te l'ho chiesto perché' di recente ho fatto un edit proprio sul curry inserendo le dosi delle varie spezie, perché qualcuno me l'ha chiesto non sapendo cosa mettere di più e cosa di meno, quindi verifica se hai le dosi. . . bacioni

    ☞ Ale, tutto mi sarei aspettato ma le pralines? Bacioni

    ☞ Rossella, anche a me piacciono fresche! Baci

    ☞ Golosina, grazie della visita, credo di non averti mai incontrata prima, se mi sbaglio scusami, vuol dire che ho la memoria corta.

    ☞ Viola, ma certo! con altre fave che sono anche meglio di queste! Abbraccione anche a te!

    ☞ Anna, grazie! anche io mi gusto spesso le tue felicita'! Bacione.

    ☞ ELel, grazie cari, un bacione anche a voi.

    ReplyDelete
  19. Julia, ho sbagliato! l'edit l'ho fatto sul pollo masala, scusa, quindi quello che hai scelto va benissimo! Ciao

    ReplyDelete
  20. ricetta sfiziosa ed alternativa

    ciao

    Vale

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails