Come fare la farinata in padella



Ma come, in questo blog mancava un post con la farinata? Mi sembra impossibile, la faccio spesso, infatti stamattina giusto per abitudine ho fatto le foto, c'era pure un bel sole, e poi perché mi è venuto un tenue dubbio di non averla mai postata e sono venuta a controllare.

E poi questa è anche la frittata vegan degli indiani! (vedi video in fondo al post). In India la farina di ceci è un ingrediente fondamentale che non manca mai nelle cucine indiane, usata dal dolce al salato in innumerevoli ricette, vedi per esempio la simil-farinata chiamata Besan ka puda, le Pakoras, street food ma anche snack casalingo per eccellenza.

La mia farinata di solito non ha spezie indiane, la faccio semplicemente con farina di ceci, acqua, sale e pepe e mi piace tantissimo per colazione. Colazione? Certo, farinata cotta in padella e accompagnata solo da tè verde che serve, secondo me, a bilanciare l'unto, visto che la farinata non la mangio col pane, come per esempio si fa con le panelle (ah che buone!), ma la mangio così com'è.

La farinata è la quintessenza della semplicità, e io adoro le cose semplici, che produce un gusto che va ben al di là dei tre ingredienti principali, ma se vi viene soda come un mattone o molle come un budino sappiate che avete sbagliato qualcosa. La farinata, sottolineo, deve essere sottile e croccante, quasi friabile, leggera, aerata, unta e appetitosa.

La farinata ligure l'ho mangiata a Savona, eccezionale, e a Genova, deliziosa, quindi so di cosa sto parlando e vi dico che fatta in padella viene certamente non uguale ma altrettanto buona, così dicono le mie papille, mi credete? Oddio ma perché dovreste credermi? Basta provare e avrete la conferma, occorre solo un po' di attenzione e di occhio.
Se invece non vi piace il fritto ahimè questa ricetta non fa per voi.

Ingredienti:
  • Farina di ceci
  • Acqua
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale e pepe
  1. Passare la farina al setaccio dentro una ciotola. Aggiungere acqua poco a poco e mescolare questa pastella, che all'inizio dovrà essere molto densa, aggiungendo acqua finché diventa semiliquida o molto fluida. Salate. In questo modo, cioè iniziando con poca acqua per volta e rimestando la pastella compatta si evitano i grumi.
  2. Sbattete bene la pastella per aerarla e renderla più leggera, questo è molto importante, appariranno le bolle, continuate a sbattere almeno per cinque minuti. Sarebbe bene prepararla almeno un paio di ore prima della cottura, o ancor meglio la sera prima, così che la farina si gonfi bene assorbendo l'acqua, ma a dire il vero, soprattutto quando mi viene voglia di farla per colazione, la cucino subito e la cucino bene senza lasciare nessun sapore di crudo che sarebbe anche indigesto. Però la sbatto a lungo e talvolta aggiungo un pizzico di baking powder, il lievito per torte salate.
  3. Mettere in una padella piatta che non attacca un filo d'olio abbondante, scaldarlo e versare uno strato di pastella sottile a spirale così che l'olio si mischi con la pastella. Ovviamente facendola imparerete quanta metterne, il risultato finale dovrà essere non più di mezzo centimetro, ma proprio al massimo, e sappiate che durante la cottura si gonfierà. Se vi viene soda come un mattone o troppo gelatinosa sappiate che avete sbagliato qualcosa, forse non l'avete sbattuta abbastanza. Deve essere croccante, leggera, aerata, unta e appetitosa.
  4. Mentre sta cucinando a fuoco basso di solito ci macino sopra un bel po' di pepe.
  5. Giratela dall'altra parte come si fa per la frittata e fate cuocere, a fuoco basso, finché bella croccante, ben cotta e con un sottilissimo strato morbido dentro.
  6. Spolverate alla fine ancora un po' di pepe e servite col tè verde.
Se proprio non sopportate l'unto e il fritto per favore non provateci nemmeno a farla! Senza olio o quasi, cioè vi venisse l'idea di farla nella padella che non attacca con solo un goccio di olio, sarebbe una vera schifezza, vi prego non fatelo e se proprio volete farla non attribuitemi l'ispirazione. 
La farinata è buona solo se lucida, ben condita, se si sente e si vede l'olio, un olio buono extra vergine di oliva.

E ripeto che se vi viene soda come un mattone o molle come un budino sappiate che avete sbagliato qualcosa, non avete eseguito tutti i punti.
La farinata deve essere sottile e croccante, quasi friabile, leggera, aerata, unta e appetitosa [giusto per non ripetermi! :-))) ].


Spesso, ma non per colazione, ci faccio delle varianti aggiungendo un cucchiaio di semola o di farina di riso e qualche altro ingrediente come aglio o cipolla grattugiata, curcuma, rosmarino, formaggio cheddar a cubetti, cavolfiore grattugiato, coriandolo fresco o prezzemolo tritato, champignons tagliati sottilissimi, spinaci freschi tagliati sottili, insomma le varianti possono essere tante, basta sperimentare ma senza esagerare, di certo non metto tutti questi ingredienti insieme.

Qui sotto un video della farinata indiana chiamata pancake di ceci (besan ka puda), 3/4 di farina di ceci e 1/4 di farina di riso, che naturalmente non è semplice come la nostra farinata ma contiene peperoncino verde piccantissimo, zucchina grattugiata, cumino. Alla fine del video una variante con formaggio cheddar tagliato a julienne e fette di pomodoro.


30 comments:

  1. E la tua rende benissimo l'idea! Tanto che ci farei colazione anch'io in questo momento. La foto con la luce in penombra è tentatrice! Se la pastella la prepari la sera prima, la tieni a temperatura ambiente o la metti in frigo? Grazie e un bacione, buona giornata

    ReplyDelete
  2. Fede, tesoro a quest'ora si dorme in Italia o no? Mah, io in India col caldo che fa la metto in frigo la sera prima, ma in Italia direi che si puo' lasciare tranquillamente fuori. Un bacione e buona giornata anche a te!

    ReplyDelete
  3. Mi hai fatto venire l'acquolina...deve essere deliziosa, non ho mai provato a farla per la paura che mi venga papposa..seguirò le tue indicazioni e mi cimenterò!! Baci

    ReplyDelete
  4. Le panelle le conosco, ma la farinata no.. sono simili se non addirittura uguali, manca solo il prezzemolo; ho letto bene gli ingredienti e sì si può fare. Baci e buondì

    ReplyDelete
  5. che bella ricettina!!e tutto in padella poi ...
    bacioni

    ReplyDelete
  6. la farinata la faccio spesso, ma in forno, e' buonissima se sopra ci metti delle fettine di cipolla, provare per credere, ciao

    ReplyDelete
  7. Farinata...slurp! Da ligure, non posso che confermare, è ottima. Devo provare questa versione in padella, e dal momento visto che i fritti non mi spaventano (anche se dovrebbero ;) ) credo proprio che la prossima volta proverò questa versione...In forno non mi è mai venuta del tutto soddisfacente..magari in padella avrò risultati migliori!!!

    ReplyDelete
  8. Ed è davvero appetitosa. La farina di ceci l'ho dalle ultime pakoras....ormai la colazione è fatta ma la proporrò come cena, così avrà il tempo di gonfiare per bene. Un bacio

    ReplyDelete
  9. ~^^~ Francy, ho proprio pensato a te nel momento che ho scritto la parolina vegan!

    ~^^~ Pellegrine, no papposa proprio no. Bacioni

    ~^^~ Debora, le panelle vanno prima cotte come una polentina e quindi ci vuole un po' più' di tempo, e io pigrona le faccio di rado anche se devo dire che mi piacciono di più'. Baci.

    ~^^~ Mirtilla, facile facile, bacioni.

    ~^^~ Flavio, si lo so anche se devo ammettere che al forno non l'ho mai fatta ma tu mi stai invogliando. Le cipolle le metti a crudo o le fai prima rosolare? Grazie! Ciao.

    ~^^~ Silvia, confermo che le foto di farinata al forno che ho visto in alcuni blog tempo fa non mi avevano entusiasmato proprio perché' sembravano frittate e anche troppo grosse e con poco olio. Sappimi dire come ti viene e falla anche piu' sottile di mezzo cm tanto per cominciare. Ma in Liguria non la fa nessuno in casa in padella?

    ReplyDelete
  10. Elena, scusa ti ho saltata! Grazie. Un bacione anche a te

    ReplyDelete
  11. E' vero, sai chamki che non avevo pensato al fatto che per le panelle bisogna fare la polentina?! Un motivo in più per provare la tua farinata. Byeee

    ReplyDelete
  12. Ma che buona! L'ho assaggiata questa estate alle 5 terre ed era deliziosa! bacio

    ReplyDelete
  13. Ciao ! ma che bell'inizio di giornata, con un bel piatto semplice e gustosissimo ! Anche a me piacciono le cose semplici... Io ho un'origine toscana e lì si chiama "cecina" e la mangiavo sempre dentro una focaccina !!! Un abbraccio ciao

    ReplyDelete
  14. Io non amo la farina di ceci, ma le tue foto sono così invitanti che mi è venuta voglia di fare la farinata bianca.
    L'ho fatta con la semola rimacinata di grano duro, è venuta una bontà, croccante fuori e soffice dentro, mmmmmm!!!

    ReplyDelete
  15. Non so se riuscirei a mangiarla a colazione, ma poco tempo fa l'ho preparata per cena ed è letteralmente sparita!!! buonissima..:-p

    ReplyDelete
  16. :)) Debora, si, bye!

    :)) ZeF, bacio

    :)) Rossella, immagino quanto sarebbe stata buona dentro un focaccina! Bacione.

    :)) Ales, ecco vedi che bello, come mi piace quando si prende l'idea e si fa con quel che si ha! Bacione amorosissimo

    ReplyDelete
  17. :)) Luciana, ah ah ah perche' no? a me piace mangiare pane e salame per colazione :-p

    ReplyDelete
  18. :)) Luciana non riesco a commentare il tuo blog mi chiede l'iscrizione a virgilio. . . ???? mi pare di aver commentato prima senza problemi ma stavolta deve esser cambiato qualcosa, o no?

    ReplyDelete
  19. Ciao Chamki! Pensa che la farinata è una delle poche cose fritte che mi piace... me ne mangerei una teglia (o padella :) ) intera! Non ci avevo mai fatto caso.. sembra davvero una frittata! Baci

    ReplyDelete
  20. Sai che non l'ho mai mangiata? Al mio paese la farinata cotta in pentola e mescolata a verdure la chiamiamo polenta, lo so che è un pò strano, ma la mangiamo a colazione d'inverno quando c'e tanto freddo. In padella credo sia eccezionale.....d'inverno la proverò.

    ReplyDelete
  21. E' vero, la farinata è ottima e l'idea di cuocerla in padella mi piace molto!! Vuoi mettere, senza accendere il forno?!?! Grazie per la dritta mia cara!!

    ReplyDelete
  22. :)) Sara, ma allora la fai anche tu in padella? Baci.

    :)) Memmea, interessante questa vostra polenta di ceci, hai la ricetta nel tuo blog? Dopo passo a vedere. Bacioni.

    :)) Giulia, mi fa sempre piacere condividere idee! Bacione.

    ReplyDelete
  23. Cero che l'aspetto è eccezionale. Bella sfrigolata come piace a me. Sono piuttosot esigente in fatto di farinata. La amo sottile, am non troppo, morbida dentro ma croccante e untuosamente sfrigolata fuori, e che sappia ben bene di ceci. Sembra una preparazione facile, ma non lo è... in pochi locali si mangia come si deve e io stessa facendola a casa non ne sono rimasta affatto soddisfatta.
    Nella padella non ho mai provato però. Se la farò ti firò!

    ReplyDelete
  24. Diciamo le stesse cose cara, quindi vedi di farla come questa, sottile ma non troppo, morbida dentro ma croccante e untuosamente sfrigolata fuori. E hai perfettamente ragione che sembra facile ma non lo e', ho evitato di dirlo per non metterla sempre giu' dura. Infatti anni fa mi veniva mai davvero buona, forse mettevo poco olio, o forse non la sbattevo per arieggiarla? chissa' ma in qualche modo ho imparato a farla davvero soddisfacente, non per incensare me stessa ma la foto parla! Fammi sapere! Baci.

    ReplyDelete
  25. leggendo il post mi è benuta in mente la mia prima farinata ho messo un mese per digerirla tanta era dura, va beh ma ci si fa l'occhio e si impara

    ReplyDelete
  26. Salve!
    Arrivo qui dal bel blog di Eli e sono contenta di poter conoscere queste fantastiche ricette così singolari e molto gustose..
    Peccato non aveva avuto prima la ricetta di questa interessante frittata...
    Avevo a cena una signara vegana e avrei avuto sicuramente qualche idea in piuù!!

    ReplyDelete
  27. ☀☀ Gunther, anche a me anni fa veniva dura ma davvero non so perche', forse il fatto che da qualche anno la sbatto per arieggiarla e' importante perche' non vedo cosa sto facendo di diverso . . . mmm forse ci metto anche piu' olio e le due cose insieme funzionano! Ciao.

    ☀☀ Mammazan, benvenuta, e lo so non e' per niente facile cucinare per i vegani, io perlomeno sono sempre in difficolta' e finisco per fare la pizza, di un pasto completo non se ne parla nemmeno. Ciao, passo a trovarti.

    ReplyDelete
  28. Provata ed è veramente sublime... ho provato tante volte a farla invano nel forno.. ma in padella rimane squisita!

    ReplyDelete
  29. appena fatta con una variante,ci ho aggiunto rosmarino e cipllina fresca buonissima !!Grazie per lidea della padella mi sono spicciata velocemente..la tengo da parte come idea stuzzichini ..cena di natale la taglio a quadrettini e la mangiamo con gli aperitivi!!!

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails