Onigiri con tonno


Oggi rifacciamo un giro in Giappone con gli Onigiri, triangoli di riso farciti al centro con vari ingredienti tipici giapponesi come le prugne umeboshi o le scaglie di pesce katsuobushi, ma anche tonno in scatola e maionese. Si possono anche fare a palla, la mia scelta di oggi, e ricoprirli completamente con un foglio di alga nori tostato. Buonissimi, li ho divorati in un battibaleno.
Il riso dei sushi è condito con aceto e zucchero mentre per gli onigiri si usa semplice riso bollito.

Ingredienti:
  • riso giapponese bollito senza sale [ma io ho dovuto usare il basmati e son venuti bene]
  • tonno in scatola sotto olio
  • maionese
  • nori
  • wasabi [opzionale]
  • pasta d'acciughe [opzionale]



Per evitare che il tonno sia troppo unto e scivoli, io lo sciacquo con acqua bollente e lo faccio scolare.
Ricordatevi che negli onigiri non si mette aceto e zucchero come si fa per i sushi, ma se vi piace farlo vi assicuro che non ve lo impedisco, talvolta lo faccio anche io.
  1. Preparare la salsa con maionese, wasabi e pasta d'acciughe, oppure con maionese e senape, ma si può usare anche solo maionese.
  2. Bollire il riso e stenderlo su un piatto a raffreddare.
  3. Fare le palle di riso è più semplice cha fare i triangoli e io avevo molta fame quindi ho bagnato le mani e, come per fare gli arancini siciliani, ho preso il riso, ho messo il tonno e la salsa in mezzo e ho ricoperto con altro riso formando una palla poco piu piccola di un pugno.
  4. Tostare il foglio di nori, tagliarlo a strisce larghe e avvolgerle intorno al riso, ma attenzione, solo prima di mangiarli altrimenti l'alga assorbe l'umido del riso e diventa molliccia.
  5. Mangiare a morsi! Sentite il croccante dell'alga e deliziatevi con questo classico tramezzino giapponese.


Ed eccovi anche un video in italiano che spiega come fare gli onigiri classici a triangolo:


13 comments:

  1. Il tuo blog è spettacolare, veramente ci porti in un mondo nuovo, grazie

    ReplyDelete
  2. fantastici questi onigiri...i love jap food!

    ReplyDelete
  3. Molto bella questa escursione giapponese.Sai che mi sono sempre chiesta se quelle prugne che usano per la farcitura siano veramente prugne.Hanno un sapore molto diverso dalle prugne europee o californiane!
    Un bacione

    ReplyDelete
  4. ~*~ Giulia sei troppo buona, grazie a te!

    ~*~ F me too

    ~*~ Edith, si sono prugne molto piccole salate e pickled, assomigliano piu' a ciliegie che prugne ma il nome botanico e' prunus quindi non c'e dubbio. Me la farei davvero una escursione giapponese! Un bacione.

    ReplyDelete
  5. Sarebbe da scrivere un commento per ogni tuo post, che ci tengo a dirlo, sono sempre interessantissimi, e le ricette sono sempre una goduria per gli occhi, e successivamente, per il palato.
    E poi ormai non c'è neanche più bisogno di dirtelo che sei bravissima.
    P.s:I Love Onigiri sushi e sashimi!!!!

    ReplyDelete
  6. Grazie Shamira, il sashimi qui me lo devo scordare, ma questi onigiri son proprio buonissimi e anzi mi sa tanto che vado a farmeli anche oggi. Ciao e grazie per tutti i commenti che mi hai fatto ieri, sei salita cosi al quinto posto nella hit-parade dei super-commentatori. . . funny eh? un bacione

    ReplyDelete
  7. Hahahaha, idea carinissima questa hit-parade ^^
    Bhè sai, avevo un'pò di tempo e ciacciavo tra le pagine del tuo blo, come si fa a resistere e non commentare???
    Hehehehhehehe poi, guardando questo post mi era venuta voglia di sashimi, avevo tutto, sono andata in cucina tutta convinta e le alghe nori erano conciate malissimo, mi è toccato buttarle, sarà stato il caldo umidissimo di questi giorni....

    ReplyDelete
  8. Ma non sigilli il pacchetto con lo scotch? Dentro c'e' sempre il pacchetto anti umido e i miei si conservano bene anche durante i monsoni con umidita' che arriva al 97%, non so se mi spiego. Tu non li hai fatti ieri ma io si! e anzi stavolta li ho fatto in un modo simpaticissimo e croccantissimo solo mettendo due cucchiai di sushi rice su un foglio molto tostato, e poi sopra ci ho messo mayo e wasabi ricoperto con altro pochissimo riso e poi ripiegato il foglio croccante sopra e mangiato subito come un panino schricciolante... hmmm che buono
    E va bene ora che sei arrivata al top della hit-parade puoi andare in vacanza e gioire del tempo libero che sembra non finire mai, goditelo tutto tutto
    un bacione

    ReplyDelete
  9. Il tempo libero non sarà mai abbastanza...
    Domani ultima riunione pre asilo prima della partenza, poi si parte e quando ritorno ho l'agenda fitta fitta di impegni lavorativi (io faccio la hostess ergo hosteggio, e non so mai cosa mi fanno fare, a terra è. concerti, fiere, degustazioni....)
    Avevo chiuso male la busta, mi sa che è per quello che sono andati a male..
    Si erano attaccati tutti, ma vabbè, poco danno, il negozietto del Sig. Mao (quanto mi piace chiamarlo Sig.Mao) ne vende buste enormi a cifre irrisorie.
    Bacioni!!!!

    ReplyDelete
  10. Shamira, ma questo Sig. Mao vende i nori giapponesi o chinesi? e giusto per curiosita' quanto costano dieci fogli? io li pago poco piu' di 3 euro, ma purtroppo sono prodotti in Cina, non che sarei capace di distinguerli se non avessi letto la localita' di produzione, ma le cose cinesi non sono mai di prima qualita' e anche la salsa di soia cinese non mi piace quasi per niente e riesco a distinguerla da quella giapponese che qui non arriva. Pero' c'e anche da dire che i giapponesi importano un sacco di roba dalla Cina, insomma la Cina ci sta sommergendo con la sua produzione. Ciao, buona giornata e buona partenza!

    ReplyDelete
  11. devo confessare che sono un'insaziabile curiosa di cucine tradizionali non appartenenti alla mia di tradizione, ma nel mio girovagare in rete, alla ricerca (spesso appagata) di infomazioni, ricette e metodi di preparazione, non mi era mai venuto in mente di soffermarmi su un blog, più a lungo del tempo necessario per apprendere e replicare.
    fino ad ora. il tuo blog mi ha incuriosita tanto, chamki, e tanto mi hanno incuriosito la tua indiana italianità, e la tua creatività intrisa al contempo di tante culture!
    ma mi chiedo, come sei arrivata a vivere in India?
    che percorsi ti hanno dato l'aroma di tante spezie diverse assieme?
    perdona il 'comment' (e le curiosità!) fuori tema, e complimenti davvero per questo bel blog curato e delizioso!
    Sara

    ReplyDelete
  12. Sara, mi hai fatto sorridere, le tue domande rimarranno senza risposta perche` troppo difficile trovarne una che mi soddisfi e ti soddisfi.
    Ciao, e grazie per esserti fermata qui!

    ReplyDelete
  13. Scusa se te lo dico, ma l'india non centra un cazzo col "onigiri"

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails