Due fogli di nori per ricominciare



Non è stato facile tornare in India col sapore del cibo italiano ancora in bocca e scoprire che qui non mi piace più niente! Sarà anche colpa dei monsoni che stanno lavando via i sapori delle verdure? Bah, forse anzi di certo ho avuto uno shock cultural-culinario inaspettato che sono certa assorbirò presto perché altrimenti non potrei continuare a vivere qui.

In Italia ho cercato di mangiare soprattutto ciò che qui proprio non esiste e non si può nemmeno portare in valigia, cose fresche come la mozzarella e i pomodori che hanno il sapore e il profumo del pomodoro, lo stracchino che si scioglie in bocca, nettarine bianche e gialle, mirtilli, lamponi, more, fragole, catalogna, cicoria, salmone affumicato e finocchi, vongole veraci e l'uovo à la coque! e mi fermo qui, perché la lista sarebbe lunghetta. E poi stavolta ho viaggiato solo col bagaglio a mano, troppo bello uscire dall'aeroporto senza dover aspettare la valigia.

Vi sembrerà insolito ma la prima cosa, relativa al cibo, che ho fatto appena arrivata in Italia è stata quella di aprire il frigo e odorare un limone! un profumo che qui decisamente mi manca, il lime è un'altra cosa.




Ieri sono andata al supermercato a far la spesa, con le memorie del supermercato italiano, girovagando svogliatamente tra i corridoietti finché hurray ho trovato i nori! che mica si trovano facilmente. Li ho subito presi sentendo che mi avrebbero aiutato in questo periodo di transizione a "dimenticare" il gusto italiano mentre mi riadatto nel 'qui e ora' indiano trovando soluzioni appetitose soddisfacenti che mi faranno superare questa piccola crisi.

A me piacciono tutti i tipi di alghe ma qui arrivano solo i nori e pure di rado, quindi festeggio, si fa per dire, il mio ritorno con i sushi più semplici che esistano, i classici al cetriolo e semi di sesamo, e quelli con avocado e maionese.



Ma che vi devo raccontare come si fanno i sushi? No, certo che no, perché se avete la stuoietta per fare i sushi allora sapete come farli e se non ce l'avete è inutile che ve li spiego, il che mi sembra molto logico.
Youtube è comunque pieno di video che spiegano come fare i sushi anche in italiano.

Questo il link per preparare il riso con l'aceto e lo zucchero How to make sushi rice e qui sotto il video dei sushi al cetriolo [cliccando la freccina verde in alto a destra si vedono i vari passaggi e il testo in inglese].

10 comments:

  1. Bentornata!
    Comprendo benissimo come ti senti, ho anch'io sempre questa sensazione di spaesamento tutte le volte che torno a casa da un viaggio lungo, che sia esso in Italia o altrove nel mondo. Per me la cosa più estraniante comunque rimane il pane, che in questo paese piatto è davvero una gran schifezza.

    ReplyDelete
  2. meno male che ti sei fatta delle buone mangiate, ora servirà un po' di tempo per il riadattamento ai saporii ben diversi.....tempo al tempo ;-))

    ReplyDelete
  3. Ciao che bello rileggerti! Sono contenta tu sia stata bene e ti dirò che quando affronto un viaggio in paesi lontani forse la cosa che mi manca di più sono i latticini. Ricordo ancora la spesa alle Seychelles dove erano introvabili, addirittura, il latte fresco e yogurt, all'inzio non mi capacitavo. Certo una vacanza di 2 settimane passa in fretta... Un abbraccio, Sabri

    ReplyDelete
  4. Bentornata!
    Dev'essere dura abitare in un paese così lontano e così diverso per abitudini, cucina, cultura, ma anche coltura.
    qui in Europa bene o male trovi le stesse cose un po' dappertutto. Infatti lunedì parto per la Francia, ma non porto nulla di italiano ai miei parenti francesi perchè la si trova tutta l'Italia che vuoi, ci sono anche gli stessi negozi delle grandi catene e se non fosse per la lingua ti sembrerebbe di non avere cambiato paese (effetti della globalizzazione dei paesi occidentali)
    Forse non sarai tanto entusiasta della cucina indiana, ma per noi che siamo qui, le tue ricette sono strepitose!

    ReplyDelete
  5. Cara Chamki, sono felice di ritrovarti qui.
    Di sushi non so nulla, quindi approfitto solo per farti un saluto.......
    Chissà, magari un giorno avrò occasione di provarlo.
    Per adesso non mi è mai capitato.....
    Un abbraccio cara e a presto

    ReplyDelete
  6. che bello rileggerti... dai che appena ti ambienti ti lascerai ubriacare dai loro profumi... non è semplice ma avrai la possibilità di imparare mille cose. Un bacione

    ReplyDelete
  7. Io ho la stessa sensazione al contrario: ogni volta che parto sono felice di assaggiare tutte le pietanze del luogo, ma appena torno mi accorgo di quanto siano molto più buone quelle italiane... Però tu lì abiti e quindi devi fartene una ragione...
    :* consolatorio!

    ReplyDelete
  8. mai mangiato il sushi...nemmeno immagino il suo sapore..guardo le tue belle foto ed immagino,un caro saluto...

    ReplyDelete
  9. ciao che bello che sei tornata, almeno per me...per te un po' meno e me ne dispiace!!! Un abbraccio forte.

    ReplyDelete
  10. ~*~ Marina, grazie, ohhh il pane era pure nella mia lista, certo che in India non sanno nemmeno cos'e' il pane buono ma c'e' qualche panetteria persiana che non e' male. Ciao.

    ~*~ Astrofiammante, grazie, dici bene ho bisogno di un po' di tempo. Ciao

    ~*~ Sabri, quando si va all'estero bisogna adattarsi questo si sa e bisogna essere pronti a rinunciare che poi in fondo i viaggi non durano molto. Nelle mie 4 settimane in Italia e' successo esattamente il contrario, sono tornata nel mio ambiente come se non l'avessi mai lasciato. . . anche dopo 10 anni di assenza. Grazie, e un abbraccio anche a te.

    ~*~ eli, grazie! sei sempre molto carina!

    ~*~ Ciao Viola, grazie, un saluto e' sempre gradito e per i sushi c'e' tempo, forse un giorno li assaggerai e chissa' se ti piaceranno, il gusto delle alghe non e' attraente a primo assaggio. Un bacione.

    ~*~ Colombina, grazie anche a te e un bacione.

    ~*~ Fantasie, il cibo italiano e' il migliore del mondo e non siamo solo noi italiani a dirlo, anche se devo dire che ho trovato un sacco di nuovi prodotti nei supermercati che mi hanno lasciata perplessa per la qualita' bassina. Un bacio.

    ~*~ Chiara, e io che pensavo che almeno i food blogger fossero avventurosi provando di tutto e di piu' come me. . . . il sapore dei nori che devono essere passati sulla fiamma prima di essere consumati assomiglia un po' al pesce grigliato. . . ciao!

    ~*~ Cinzia, grazie cara, sto rientrando alla normalita'. Un bacione!

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails