Riso pulao alla frutta secca, un pilaf semplice e aromatico



Ci sono tante versioni del riso pulao o pilaf, questa che ho fatto oggi con l'aggiunta di uvetta e anacardi è chiamata "Dry fruits pulao rice", ma se omettete la frutta secca e la fate solo con le spezie della foto qui sotto è chiamata "All Spice Pulao".

La mia versione è proprio semplicissima e a me piace così accompagnata con lo yogurt intero, ma se volete avere un'idea più "ricca" di questo pilaf, con vegetali e carne, cliccate i links e guardatevi le immagini relative.

Ingredienti per una persona:
  • riso basmati - la vostra quantità favorita (piatto unico per me ho fatto 120 grammi)
  • acqua - una volta e mezza il volume del riso
  • ghee
  • sale
Frutta secca:
  • una manciatina di anacardi crudi, non salati e non tostati
  • un cucchiaio di uvetta lavata
Spezie fresche, non giacenti da anni in dispensa:
  • un pezzetto di cannella
  • una foglia di alloro
  • 6 grani di pepe nero
  • 2 chiodi di garofano
  • un baccello di cardamomo appena schiacciato nel mortaio 
  • un pizzico di cumino [preso con tre dita]
  1. Lavare il riso, ammollarlo, cambiare l'acqua e scolarlo come da istruzioni QUI: Come cucinare il basmati.
  2. Mettere il ghee nella pentola dove si cucinerà il riso, insieme alle spezie e rosolarle finché profumano (pochi secondi - attenzione a non bruciarle, il sapore sarebbe orrendo) e se volete usare il burro ponete doppia attenzione.
  3. Aggiungere il riso, il sale, e l'acqua calda non bollente, coprire e cuocere per dieci minuti.
  4. Tutte le spezie verranno in superficie, togliere l'alloro e la cannella e lasciar riposare il riso coperto.
  5. Mettere gli anacardi e l'uvetta in un padellino con un poco di ghee e fare rosolare finché gli anacardi diventano dorati.
  6. Sgranare il riso con una forchetta, metterlo nel piatto e guarnire con gli anacardi e l'uvetta.
Faccio notare che nel riso pulao non si usano i semi di coriandolo, il motivo non si sa ma così è nella tradizione indiana, e nemmeno si mettono le spezie direttamente a bollire col riso, che vanno invece prima rosolate nel ghee.


Nota sulla cannella e l'alloro indiani:

Cinnamomum verum - cannella vera - viene prodotta in Sri Lanka ed è quella che si trova in Italia.
In India invece si usa purtroppo Cinnamomum burmanni che è la corteccia dell'albero Cassia, la stessa che  si usa anche in America e Canada!  ma gli italiani privilegiati usano la cannella vera! mica scemi, anzi io prima di venire in India non sapevo nemmeno che esistesse una cannella "bastarda" [traduco letteralmente] che ha un'aspetto rozzo, profumo molto meno raffinato e costa anche molto meno.

Una volta mi sono presa la briga di andare per negozi e chiedere la cannella vera ma tutti mi hanno detto che quella era la cannella vera, atteggiamento tipico indiano, non sapevano nemmeno che esistesse quella di Sri Lanka. Poi un giorno l'ho trovata importata dalla Germania! cioè aveva fatto il giro del mondo e tornata indietro, e ovviamente l'ho comprata, ma poi non l'ho ritrovata più.

Lo stesso succede con l'alloro, qui si usano le foglie dell'albero Malabathrum, chiamate tejpatta, che appartiene al genus Cinnamomum della famiglia del Lauro ma il gusto è diverso. Notare nella foto le tre nervature che partono dalla base della foglia e vanno poi parallele per tutta la lunghezza della foglia.

Voi usate pure la vostra cannella e il vostro alloro che sono perfetti!


16 comments:

  1. è affascinante questa modo di cucinare con spezie e profumi... che meraviglia toccare con mano polveri e aromi..... splendido questo piatto!

    ReplyDelete
  2. Avevo già addocchiato questo riso su un libro di cucina internazionale che ho a casa, ma era spiegato male e aveva troppe spezie difficili da reperire.
    La tua ricetta è molto più fattibile, la voglio provare :9

    p.s. Il mio segno zodiacale è bilancia, infatti sono terribilmente indecisa e un po' fissata sull'estetica delle cose eheheheheh!

    ReplyDelete
  3. grazie mille di aver postato questo riso lo proverò sicuramente ma perchè voi non mettete i semi di coriandolo, ora mi fai sorgere un quesito. scusa se sono sempre io a romperti...

    ReplyDelete
  4. ~*~ Si Ely ma le spezie bisogna anche saperle misurare, grazie per lo splendido, era buonissimo, ciao!

    ~*~ eli, provala e fammi sapere come ti viene, io ho usato quella quantità di spezie per una persona.
    Ah bilancia! la mia vita è piena di bilance, padre, madre, figlia ah ah ah un bacione!

    ~*~ lucy, ma tu lo metti il ketchup sugli spaghetti? in India lo fanno e quando gli dici che in Italia proprio non si fa ti chiedono perchè esattamente come fai tu adesso per il coriandolo.
    Non conosco il motivo e nemmeno gli indiani lo conoscono, si fa così punto e basta, ti dicono che il coriandolo in semi non rientra nella composizione di quelle spezie per il pulao che si può però guarnire con le foglie di coriandolo fresco.
    Ma nulla ti vieta di mettere il ketchup sulla pasta o anche la marmellata quindi se ti piace mettere i semi di coriandolo fallo pure, ma poi non dire che quella è una ricetta indiana perchè ci hai messo un ingrediente non previsto, proprio come fanno in America-Canada-India col ketchup.
    Lo stesso vale se invece di fare rosolare le spezie col ghee le metti direttamente a bollire col riso, semplicemente non si fa così.
    Ciao!

    ReplyDelete
  5. Deliziosissima ricetta,come sempre caratterizza la tua cucina ricca di aromi e creatività.Felice weekend e un abbraccio

    ReplyDelete
  6. Ottimo questo piatto di riso, semplice semplice e così ricco di spezie e di profumi! Mi ha sempre affascinato l'India e grazie a te ne sfioro un frammento!
    Buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    ReplyDelete
  7. Un blog magnifique.
    Bravo!!!
    Bon weekend et à bientôt.

    ReplyDelete
  8. Sono veramente affascinata da questo mondo di profumi che non conosco.Le tue foto ed i tuoi testi mi avvicinano ad una dimensione per me nuova in cucina.
    Ho visto che hai lasciato dei commenti su alcuni miei posts, purtroppo non riesco a leggerli a causa dei caratteri che si visualizzano, hai qualche suggerimento di quale potrebbe essere una soluzione a questo problema?
    Un saluto
    Kemi

    ReplyDelete
  9. Che bello il tuo riso,molto invitante!
    Grazie della visita e buona domenica!:)

    ReplyDelete
  10. ~*~ Grazie Antonella, un abbraccio e buona domenica

    ~*~ Luca e Sabrina, grazie, ma avete provato qualche ricetta?

    ~*~ Merci Nadji, bon week-end pour vous, à bientôt.

    ~*~ Kemi, grazie, ma non capisco perche' ti e' successa questa cosa, non mi ricordo nemmeno dove ho commentato per andare a rivedere, ma non credo che abbia a che fare con me, Ciao

    ~*~ Grazie Yori, buona domenica anche a te!

    ReplyDelete
  11. Dici che la cannella indiana è diversa da quella che si trova in Italia, in che cosa si differenzia? Secondo te con che cosa si potrebbe sostituire? Il resto è già tutto nella mia dispensa :-) Buona domenica

    ReplyDelete
  12. Sabri, l'ho detto solo per far notare che sono diversi, ma tu usa pure la cannella che si trova in Italia che è la cannella vera che viene da Shri Lanka, e ovviamente l'alloro italiano!
    Cinnamomum verum - cannella vera - viene prodotta in Sri Lanka ed esportata in tutto il mondo. Invece in India si usa purtroppo Cinnamomum burmanni che è la corteccia dell'albero Cassia, e si usa anche in America e Canada!
    Italiani privilegiati usano la cannella vera! mica scemi, anzi io non sapevo nemmeno che esistesse una cannella "bastarda" [traduco letteralmente] che ha un profumo molto meno raffinato e costa anche molto meno e che sto usando da ventanni, ogni tanto mi manca la cannella vera.
    Lo stesso succede con l'alloro, qui si usano le foglie dell'albero Malabathrum che appartiene sempre al genus Cinnamomum della famiglia del Lauro ma il gusto è diverso.
    Insomma sono parenti forse cugini ma io preferisco i nostri.
    Quindi vai pure a fare questo riso con gli ingredienti che ti ritrovi, che è buonissimo e delicato.
    Ciao! Buona domenica anche a te

    ReplyDelete
  13. Questo è uno dei miei piatti indiani preferiti, lo mangerei tutti i giorni, infatti quando lo cucino ne faccio sempre in abbondanza! Sono stata in Birmania ma lì non insaporiscono mai il riso, lo lasciano sempre bianco ed è un peccato.
    Carinissimo il tuo blog, complimenti!

    ReplyDelete
  14. Chiara Blueberry, buono ne? anche io quando lo faccio lo divoro. .. benvenuta nella mia cucina, grazie per il complimento e domani vengo a trovarti. Adesso vado a dormire. Ciao

    ReplyDelete
  15. Ebbene...mi sono cimentato nel cucinare questa ricetta, in teoria solo per me.
    Mia moglie ha storto il naso quando gli ho elencato le spezie, ma "I know my chicken", ho cucinato un po' di basmati in più (150gr).
    Mezzoretta prima avevo cucinato delle semplici polpette di carne mista.
    Beh, inutile dirlo, ha gradito molto il riso che, tra l'altro, esaltava il sapore delle polpette.
    Non avendo anacardi ho usato i pinoli e il cumino ce l'ho macinato, indiano.

    ReplyDelete
  16. Ciao Chamki,adoro il tuo blog,per un attimo mi sembra di essere tornata laggiù!Avrei due domande per te,la prima è se conosci ricette di dolci con pasta di tamarindo,perchè ne ho un vasetto a casa e vorrei usarlo al meglio.La seconda è se mi sai dire come si prepara l'impasto per la versione servita in India(O almeno al nord)dei pankakes.Ne ho divorati a decine,con miele,banana e limone,ma sono una via di mezzo tra una crèpe e un pancakes,non riesco a riprodurli!Ho fatto la tua ricetta di kasmiri pulao con aggiunta di chicchi di melograno fresco,proprio come quello che ho mangiato a jhodpur,strepitoso!
    Grazie.

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails