Asparagi e riso basmati



Una cosa che in India mi manca proprio è il riso italiano, e il risotto, che qui non si può fare con nessun tipo di riso indiano, chicchi molto piccoli o troppo delicati. E poi qui il riso va lavato abbondantemente e lasciato a mollo per almeno venti minuti. Fare un risotto così è impossibile, l'amido, quel poco che c'era, è stato eliminato completamente.
Gli indiani amano il riso che io chiamo vecchio, in modo elegante si potrebbe dire stagionato, ma in verità a me puzza di vecchio e non mi piace, quindi a maggior ragione lo lavo a lungo e lo ammollo per bene. La stagionatura riduce l'amido e i chicchi rimangono separati anche dopo la cottura, e questa separazione secondo gli indiani indica la bontà del riso.
Per anni ho cercato di comprare riso "fresco" appena prodotto, ma solo una volta ci sono riuscita, quando un negoziante mi ha presa a cuore e me l'ha procurato. Chissà che fatica ha fatto a spiegare che aveva una cliente italiana che lo preferiva fresco. Una sola volta però, dopo di che ci ho rinunciato vista l'impossibilità di far capire che io preferisco il riso fresco che fa la cremina con l'amido. A loro sembra assurdo, e a me sembra assurdo che il riso vecchio sia considerato eccellente e inoltre più è vecchio e più costa. E cercano sempre di convincermi che solo il riso a chicchi separati è mangiabile. Stressante.

Ma voi il basmati lo lavate bene in tante acque, e lo ammollate prima di cuocerlo? È essenziale. Qui spiego come fare.

Questo non è proprio un risotto ma mi ha soddisfatto "quasi" lo stesso.

Ingredienti:
  • riso basmati a chicchi extra lunghi
  • asparagi
  • cipolla
  • brodo vegetale fatto con carote, sedano, cipolle e le parti dure dei gambi degli asparagi.
  • vino bianco
  • burro
  • parmigiano grattugiato
  1. Lavare il riso con molte acque e ammollarlo per 20 minuti. Scolarlo bene.
  2. Lavare gli asparagi, eliminare le parti dure e tagliare a tocchetti i gambi teneri, mettendo da parte le punte.
  3. Rosolare la cipolla, tritata fine, nel burro.
  4. Aggiungere il riso e farlo tostare, quindi il vino e cuocere finché il vino è evaporato. 
  5. Aggiungere il brodo poco alla volta e i gambi degli asparagi e quando il riso è quasi pronto metterci sopra le punte.  Finire la cottura, chiudere la pentola con il coperchio per fare assorbire tutto l'eventuale brodo rimasto e lasciare riposare per cinque minuti.
  6. Mescolare il meno possibile per evitare di rompere il riso e servire con parmigiano grattugiato.
Buono, semplice e leggero.

7 comments:

  1. Che avventure con questo riso!!
    Mi sarebbe proprio piaciuto vederti spiegare le tue ragioni ai negozianti locali e tentare di persuaderli che sì, si può mangiare anche il riso fresco....chissà che espressioni allibite!!
    Lo stage di cucina indiana è stato interessante e piacevole, la docente è una chef di Goa, l'ho agganciata per proporla nel mio settore di servizio a domicilio....vediamo un po'!

    ReplyDelete
  2. Si, che ridere per non piangere! Ma ti sembra possibile che nessuno mi possa vendere il riso fresco?
    Il cibo di Goa è diverso dal resto dell'India per le influenze cristiane portoghesi, ho vissuto li per un anno. . . auguri per il business!

    ReplyDelete
  3. Accidenti, ma è più dura di quello che pensavo cucinare in India! Però che soddisfazione... e si vede dal piatto ti è venuto superbo.
    Ciao Alessandra

    ReplyDelete
  4. nella mia ignoranza io credevo che fosse tutto fresco...beh,c'è sempre qualcosa di importante da apprendere!Cmq il tuo basmati con gli asparagi sembra squisito,a giudicare dalla bellissima foto!Complimenti e buon weekend

    ReplyDelete
  5. Se li dove sei non trovi riso italiano, immaginati come può essere il basmati che vendono da noi! Quello che compro al supermercato diventa una papparella se lo cuocio più di 10 minuti, figuriamoci se dovessi metterlo in ammollo :DDDDD
    Però il tuo riso con asparagi è proprio bello!
    ciao ;)

    ReplyDelete
  6. Alessandra, non hai idea quanto dura sia cucinare in India, a meno che non si cucini cibo indiano.
    Grazie per la comprensione, ciao!

    Ciao Antonella, benvenuta e grazie per la visita.

    Eli ho appena postato come si cucina il basmati proprio dopo aver letto il tuo commento. Sappi che il basmati che si vende da voi è molto ma molto più di qualità di quello che vendono qui e se lo metterai a mollo seguendo le mie istruzioni ti verrà perfetto . . . o almeno spero. Fammi sapere. Ciao

    ReplyDelete
  7. Grazie per il tuo commento ed anche per l'opportunità di conoscerti ... amo molto le cucine etnico-creative ... ora anche io sarò fra le tue ospiti ... un abbraccio Stefania

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails