Ratatouille


Ratatouille, un piatto contadino di verdure estive rimestate, un piatto povero di origine francese ma che si trova simile in tutte le cucine del mondo. L'ingrediente base è la melanzana, a cui si aggiunge la zucchina che qui non c'è, cipolle, aglio, peperoni, pomodori, basilico e altre erbe locali.

Questa la mia versione indiana di oggi:

Ho tagliato a cubi mezza melanzana e l'ho fatta rosolare in olio extra vergine di oliva.
A metà cottura ho aggiunto i peperoni e dopo qualche minuto la cipolla tagliata a fettine sottili.
Ho aggiunto un pomodoro maturo tagliato a cubetti, una manciata di anacardi (non salati/non tostati), e dei fagioli freschi teneri.


Di solito questi fagioli [bakla o chikkudu kaya] si mangiano con tutto il baccello, che è tenero e sono buonissimi solo rosolati nell'olio [evo] salati e pepati.

Li cucino un paio di volte al mese, ma li apro sempre completamente per controllare se ci son vermi - e ne trovo sempre qualcuno, il che mi pare un buon segno di assenza di pesticidi.
Quando son freschi e giovani come quelli della foto, i fagioli dentro il baccello sono molto piccoli e tenerissimi.

Oggi i baccelli si erano induriti in frigo ma i fagioli, sia pur cresciuti, erano teneri. Assomigliano vagamente alle fave, che qui non ho mai trovato, ma non di certo nel sapore che è molto delicato.

Nella ratatuille certe volte ci metto le patate dolci, o anche le patate normali, talvolta l'aglio e il peperoncino, ma oggi li ho solo spruzzati di Tabasco, quando erano già nel piatto.

Di contorno ho fatto riso basmati bollito spolverato con la mia lime-curcuma.



No comments:

Post a Comment

linkwithin

Related Posts with Thumbnails