Gamberoni


Un chilo di gamberoni sul lavello della mia cucina

Stamattina non ho nemmeno chiesto il prezzo.
Ho visto adesso sul libro dei conti della spesa che Liz mi ha segnato 500 rupie - costosissimo per l'India, ma quando mi conviene ragiono in euro. In fondo son solo poco più di sette euro, e considerato che questo tipo di freschezza qui è impossibile da trovare, son felice di pagare. Se poi penso che Liz [e suo genero] si fanno cinque ore di macchina ad andare e cinque a tornare, mi sembra di pagare niente.
Suo genero [il pescivendolo] tre anni fa, quando ha cominciato il business, mi portava un pesce vecchio almeno di tre giorni e io, dopo averlo comprato una volta ho detto no, questo pesce puzza.
Loro mi guardavano strabiliati perché secondo loro quello era l'odore del pesce, ma io dicevo "non avete naso, piuttosto mangio il tonno in scatola".

Negli ultimi sedici anni ho mangiato solo pesce in scatola - un tonno in scatola delle Lakshadweep che però si trova raramente [ma io mi compravo tutte le scatole che trovavo al supermarket] e il salmone americano che non mi entusiasma.
Tempo fa avevo anche trovato delle sardine importate dall'Inghilterra, prodotte in Marocco, che erano buonissime - non le hanno importate più.
E quando mai io ho mangiato sardine in Italia?

Finalmente, per tornare a oggi, pare che Liz, dopo essere stata con me tutti i giorni negli ultimi tre anni, e a furia di sentire i miei "no, cosi non va", e i motivi dei miei no [riguardo a tutto ciò che concerne pulizia, igiene, freschezza di verdure, eccetera], ha pensato di darsi da fare in prima persona.
Un pò l'ho spinta io a ricominciare questo business del pesce [che tre anni fa era poi finito dopo pochi mesi] dicendole che se davvero avessero portato pesce fresco, la gente avrebbe comprato.
E poi si son fatti la macchina! [un van di seconda mano]
Voleva proprio farmi contenta [cosi dice lei] e quindi ha deciso di andare a vedere come mai questo pesce, comprato all'asta sulla spiaggia, non fosse fresco.
Cosi scopre che tre anni fa il genero lo comprava al mercato del pesce, dove ovviamente era di qualche giorno prima.
Cosi settimana scorsa quando mi ha portato il pesce che ha comprato lei, le ho detto "questo si che è fresco".
Questa è la storia succinta del perché ho iniziato la dieta giapponese di pesce e riso.

Gamberoni freschissimi semplicemente rosolati nel burro salato

Oggi ho pulito i gamberoni [non mi fido ancora a farli pulire a Liz], che farò domani, e ovviamente ho eliminato tutte le teste.
Lei le guarda e dice che suo genero le ha detto di dirmi dire che con le teste loro ci fanno il curry. Prima le ho detto "no grazie", ma dopo un attimo, per farla contenta, le ho chiesto di farlo. In Japan le servono al ristorante - solo le teste! [cliccate questo link di Google Botan Ebi Deep Fried Prawn Head per credere]
Poi quando ho visto come puliva le teste, ho preferito pulirle io.

Per ora vi dico solo che il curry non si fa con la polverina gialla, nella scatolina verde, che voi conoscete come curry.
Questo è il curry che sta cucinando:




Il colore rosso non è dato dal pomodoro ma dai peperoncini del Kashmir.
Il giorno dopo è sempre più buono, quindi domani qualcuno lo mangerà, intanto io l'ho assaggiato col riso oggi a pranzo.
Carico di peperoncino [ne ha messi tre grandi] e di spezie, le ho fatto notare che il pesce fresco non si cucina cosi, perché cosi lo si ammazza per la seconda volta. Avrà capito?
Era cosi felice di cucinarmi qualcosa!
Di certo ha imparato da me a non bruciare aglio e cipolla nella rosolatura iniziale - ce n'è voluto di tempo per farle capire che solo l'odore di cipolla e chili bruciato mi attaccava la gola, e anche se ero seduta nella stanza accanto mi sentivo soffocare.
Secondo me aveva lo stesso sapore del curry fatto coi gamberetti essiccati, che qui si comprano con dieci rupie a pacchetto [almeno per quattro persone], cioè con l'equivalente di 14 centesimi di euro - che tra l'altro come gusto non è affatto male, considerata la qualità/prezzo [aha i gamberetti secchi! mi son dimenticata di menzionarli nella lista].

Poi avevo bisogno di qualcosa di fresco e mi son fatta il "Pomodoro e mozzarella" ma senza mozzarella, condito con l'olio evo [extra vergine di oliva].
Pomodoro e paneer per la verità, un paneer che ho fatto io perché cosi lo posso mangiare crudo. Quello che compro è molto più soffice e assomiglia davvero alla mozzarella [a parte che non fila] ma lo uso solo per cucinare. Perché, come si fa a disinfettare il formaggio? Tutto ciò che mangio crudo è disinfettato, e questo tipo di formaggio fresco è prodotto localmente, non so con quali condizioni igieniche, anzi lo so ed è per questo che preferisco cuocerlo.
Non avevo basilico fresco, ma ci ho tritato uno spicchio d'aglio e spolverato di basilico secco e un pizzico di origano che ha solo una vaga idea origanosa. Mangiata con gusto.


Ah, dopo vi dirò come fare il paneer, intanto metto subito QUI la tag del paneer che automaticamente linka tutti i posts futuri.
Ciao!


8 comments:

  1. carino, molto carino questo post, anche la storia del business del pesce, interessante : )

    ReplyDelete
  2. Thanks. Ieri mi son guardata su google maps il villaggetto del pescatore e mi e' venuta voglia di andarci perche' non ci sono turisti e c'e' un sacco di verde tutto intorno. Chissa' se ci andro' il prossimo inverno, magari mi affitto una casa nel verde vicino alla spiaggia. Liz mi ha detto che lei comunque ci verrebbe almeno due volte la settimana, e mi farebbe pure le pulizie . . . ciao!

    ReplyDelete
  3. sai ... proprio di recente mi dicevo che davvero non mi manca di mangiare il cibo italiano (alright there are some exceptions but nothing big) perchh mi sono reso conto che a mangiare riso con pesce h cosi` soddisfacente che se sarei da un'altra parte mi mancherebbe di mangiare cibo JP ... so simple and so healthy!

    ReplyDelete
  4. Some exceptions? I would say a lot! I miss so much italian variety of salads, and even vegetables like carciofi e finocchi. What to say of mortadella [the really special one] e prosciutto? Gosh i am getting hungry. . .

    ReplyDelete
  5. senza pesce per me sarebbe un'agonia...
    Sarà che sto in una città di mare..
    O che ultimamente ho questa mania di andare avanti a pesce...
    Sempre molto affascinanti i tuoi racconti.
    Bacioni!

    ReplyDelete
  6. Anche per me cara Shamira, io vivrei a pesce tutti i giorni ma purtroppo il business del pesce della Liz e' finito quasi subito e quello che compro raramente al mercato lascia molto a desiderare, il che vuol dire che sono tornata alle scatolette.

    ReplyDelete
  7. Come hai indicato in altro post sono venuta a leggere il tuo racconto sui gamberi. Com'è diversa la nostra cucina! Pensare, poi, che devi disinfettare tutte le cose crude che mangi, penso che sia molto faticoso. E' un piacere leggere quello che con dovizia di particolari esponi. Un saluto affettuoso
    M.G.

    ReplyDelete
  8. Si Maria Grazia e' decisamente molto faticoso e spesso rinuncio a mangiare insalata, anche perche' non si trova facilmente, qui non si usa mangiare insalata come l'intendiamo noi, loro mettono sui piatti fettine di cipolla con fettine di pomodoro e mezzo lime per condirli, poi ovviamente hanno tutti i chutney che son fatti con il coriandolo, la menta eccetera che io adoro ma anche questo faccio raramente a causa della pulizia [sempre pieni di terra] e disinfezione.
    Saluto affettuoso anche a te!

    ReplyDelete

linkwithin

Related Posts with Thumbnails